La narratrice è Suor Febe, un’orsolina di ventisei anni.

Viene delegata a recarsi, al posto del fratello, in un villaggio del cremonese per verificare le accuse mosse dalla popolazione contro Annaluna e Vernante, accusati – ovviamente – di stregoneria.

Verrà accompagnata nella sua ricerca dal parroco del villaggio, Padre Geraldo, che al pari di Sorella Febe è convinto che non dobbiamo aver paura di chi viene accusato di stregoneria, ma piuttosto di chi punta il dito.

La gente non aveva la minima idea di cosa fosse una strega, ma una donna come Annaluna era abbastanza fuori dalla norma per esserlo anche solo per esclusione.

È chiaro fin da subito che La negromante di Laura Pegorini rappresenti una denuncia contro i pregiudizi e contro chi li sostiene attivamente. Sappiamo benissimo che essere donna e magari essere diversa dalle convenzioni sociali o da quello che le altre persone considerano normale è stata una fonte di pericolo per moltissimi anni. Bastava anche molto meno: bastava conoscere le proprietà di erbe e fiori ed eri già sulla buona strada per la forca.

Ora sicuramente le cose sono cambiate e migliorate, ma non è forse vero che anche nel presente basta discostarsi dalle caratteristiche della popolazione media per essere considerat* divers* e per essere vittime di pregiudizi? In un modo o nell’altro la Storia si ripete sempre perché l’essere umano a quanto pare non cambia mai.

Sorella Febe è a sua volta una donna fuori dal comune per l’epoca in cui è ambientato il romanzo (ci troviamo nel 1600) e forse anche per questo prima di accusare due persone di stregoneria decide di indagare per bene e fino in fondo senza fermarsi alle apparenze superficiali.

Laura Pegorini ha deciso di narrare gli eventi del suo romanzo in forma epistolare; una scelta forse coraggiosa, ma devo dire che l’ho trovata adeguata alla storia che viene raccontata.

Possiamo considerare La negromante più come un racconto breve che come romanzo. Personalmente mi sarebbe piaciuto un approfondimento in più. Sarebbe stato interessante avere un background maggiore su Suor Febe, magari leggere delle lettere di risposta da parte del fratello, un approfondimento sugli abitanti del villaggio, su Padre Geraldo e soprattutto sugli accusati, Annaluna e Vernante, giusto per dare al racconto una tridimensionalità più profonda. È comunque una breve storia che si fa leggere bene e volentieri.

la negromantela negromantela negromante.5

Link Amazon: La negromante

Ti piacciono i miei contenuti? Sostienimi con un caffè!

Potrebbe interessarti anche:

Grazie, Strega – Mauro Resta

Via col vento – Margaret Mitchell

Ricordi dal sottosuolo – Fëdor Dostoevskij

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad Amazon e IBS dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una piccola commissione che utilizzerò per comprare libri, alimentando così il blog e il canale YouTube.
Se vuoi sostenermi puoi acquistare dai link sovrastanti o attraverso questo link generico: https://amzn.to/3d6aeuz]

AD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.