Uno dei nostri – Willa Cather: libro che valse all’autrice il Premio Pultizer nel 1923, parla di un giovane uomo alla ricerca del suo posto nel mondo.

uno dei nostri

uno dei nostriTITOLO: Uno dei nostri

AUTRICE: Willa Cather

EDITORE: Elliot Edizioni

PREZZO: € 18.50 cartaceo; € 8.99 e-book

 

RECENSIONE:

Il protagonista di Uno dei nostri, libro con cui Willa Cather vinse il Premio Pulitzer nel 1923, è Claude, un giovane uomo alla ricerca del suo posto nel mondo. Non sa bene chi è e chi vorrebbe essere, non sa bene cosa vuole per sé e chi vorrebbe attorno, non riesce nemmeno a trovare il suo posto all’interno della sua stessa famiglia. E queste sue insicurezze e incertezze hanno fatto sì che sia riuscita a percepirlo vicino come personaggio, lo hanno reso uno di noi, nonostante la sua storia sia ambientata in un’epoca passata.

«[…] È avere troppo tempo per pensare che mi rende triste. Vedi, Enid, non ho ancora fatto qualcosa che mi abbia dato soddisfazione. Eppure devo essere capace di fare qualcosa. Quando sono sdraiato e penso, mi domando se la mia vita è accaduta a me oppure a qualcun altro. Sembra non avere molto a che fare con me. Non sono partito benissimo.»

È quando inizia la prima Guerra Mondiale che Claude, ancora di più, sente che non può rimanere fermo né tantomeno passivo. Per lui la guerra diventa l’opportunità di fare qualcosa di significativo con e per la sua vita. Forse perché per Claude la vita è sempre stata questo: una guerra data da infinite battaglie da combattere, e possibilmente vincere.

Lei aveva la sua stessa maledetta sorta di sensibilità: si aspettava troppo dalla vita e ne sarebbe stata delusa.

Una delle cose che più mi ha fatto male è che Claude, nel pieno della guerra, si rende conto che forse quello che ha lasciato a casa non era poi così male. E quante volte capita anche a noi di lamentarci, per un motivo o per l’altro, e poi, quando la nostra situazione si aggrava o ci succede qualcosa di imprevisto e di doloroso, facciamo un passo indietro e invidiamo come stavamo un minuto prima? Quante volte non ci accontentiamo mai sul momento, e poi, quando qualcosa di brutto ci obbliga a fermarci e a voltarci, ci rendiamo conto che avremmo dovuto essere felici e grati?

Siamo sempre alla ricerca di qualcosa che ci manca, qualcosa che pensiamo possa portarci allo stadio successivo della felicità, e nel frattempo ci perdiamo tutto quello che nel qui e ora ci rende felici.

Perché mentre legge, pensa che quegli assassini di sé stessi gli assomiglino tantissimo: erano quelli che avevano sperato smodatamente – che per fare quello che avevano fatto dovevano sperare smodatamente, e credere appassionatamente. E avevano scoperto di aver sperato e creduto troppo.

Lo stile di Willa Cather è semplice e immediato, ma ci sono delle parti in cui il ritmo è rallentato. In generale devo dire che è stata una lettura che ho affrontato con piacere. Mi è piaciuto assaporare la crescita di Claude. Mi è dispiaciuto per la sua insofferenza; ho empatizzato con la sua irrequietudine perché l’ho sentita mia, perché anch’io l’ho provata, e a volte la provo ancora.

Ho avuto come l’impressione che Claude si sia lasciato sfuggire delle occasioni per essere felice, soddisfatto, contento delle sue scelte. Eppure non posso comunicargli il mio disappunto per non aver colto quello che poteva fare suo perché io faccio lo stesso. Se io di base non sono nessuno per giudicare un’altra persona, ancora di più non posso permettermi di farlo quando faccio gli stessi errori.

Uno dei nostri non è stato un libro che ho amato alla follia, ma è stata una storia che mi si è appoggiata addosso come un velo in tutta la sua pienezza. Mi ha avvolto. E nella mia testa la storia di Claude è un cerchio, un cerchio che è iniziato nelle sconfinate distese del Nebraska e un cerchio che si è chiuso in trincea.

uno dei nostriuno dei nostriuno dei nostriuno dei nostri

Link Amazon: Uno dei nostri

Link Ibs: Uno dei nostri

Ti piacciono i miei contenuti? Sostienimi con un caffè!

Potrebbe interessarti anche:

Netocka Nezvanova – Fëdor Dostoevskij

Presago triste – Banana Yoshimoto

Il buio oltre la siepe – Harper Lee

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad Amazon e IBS dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una piccola commissione che utilizzerò per comprare libri, alimentando così il blog e il canale YouTube.
Se vuoi sostenermi puoi acquistare dai link sovrastanti o attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.