Uno scontro di re – George R. R. Martin: secondo libro della saga fantasy delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, conosciuta anche come Il Trono di Spade.

Uno scontro di re

uno scontro di reTITOLO: Uno scontro di re

AUTORE: George R. R. Martin

EDITORE: Mondadori

PREZZO: € 25.00 cartaceo; € 7.99 e-book

 

RECENSIONE:

Se vi siete persi la recensione del libro precedente la potete trovare qui.

La premessa che avevo fatto nell’articolo precedente, quando dovevo parlarvi di Un gioco di troni, rimane invariata: non ho la minima idea di quello che scriverò e definire questo articolo come una recensione è tanto sbagliato quanto la presenza di Jeoffrey Baratheon sul trono di spade.

Non riesco davvero a capire perché per me sia così complicato parlare dei libri delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. Forse per la loro complessità? Forse perché se si va troppo a fondo si fanno così tanti spoiler che i morti presenti in questa saga in confronto sono pochi? Forse perché se non vi parlo dei personaggi per non farvi spoiler sono inutile quanto Rickon Stark? Non troveremo mai una risposta a queste domande probabilmente.

Cercherò di darvi delle coordinate molto generali: i Sette Regni sono ormai tormentati dalla guerra, tutti vogliono diventare re per un motivo o per l’altro; Daenerys Targaryen fa di tutto per tornare a casa e reclamare, pure lei, il trono che le spetta per diritto di nascita; e i guardiani della notte vanno in avanscoperta a nord della Barriera per trovare dei ranger dispersi e capire cos’hanno in mente di fare i Bruti.

Un po’ troppo generico, lo so, ma se mi soffermo su Jon, su Arya, su Sansa, su Cat, su Tyrion e compagnia si possono presentare i problemi di cui sopra.

Posso però soffermarmi su un paio di personaggi nuovi che compaiono con capitoli a loro dedicati. In realtà non sono del tutto nuovi, ma in Uno scontro di re hanno dei loro capitoli, prendono voce con il loro punto di vista.

Oltre a Bran, Catelyn, Daenerys, Jon, Arya, Tyrion e Sansa leggeremo i capitoli di Davos e di Theon.

Davos è un abile marinaio che si è sempre dedicato al contrabbando. È un uomo accorto, che ama la sua famiglia e che è molto devoto a Stannis Baratheon che lo ha proclamato cavaliere dopo che gli ha salvato la vita durante la ribellione di Robert Baratheon, fratello di Stannis. Stannis infatti durante l’assedio di Capo Tempesta non morì di fame grazie alle cipolle che Davos aveva contrabbandato, permettendogli di sopravvivere finché non giunse Eddard Stark a liberarlo.

È proprio grazie al punto di vista interno di Davos che noi lettori saremo messi a conoscenza di Stannis e di quello che avviene attorno a lui e così scopriremo la presenza di un altro personaggio importante: Melisandre, la Donna Rossa.

Sacerdotessa del culto di R’hollor, Signore della Luce, proviene dalla città di Asshai, Melisandre si è unita alla corte di Stannis, diventando la sua più fidata consigliera, perché in lui vede la reincarnazione di Azor Ahai, l’eroe destinato a sconfiggere il Grande Estraneo.

Theon Greyjoy è l’erede di Balon Greyjoy, lord delle Isole di Ferro. Dopo la rivolta di Balon, Theon a dieci anni viene preso come protetto (dal suo punto di vista come ostaggio, anche se da tale non è mai stato trattato) da Eddard Stark e portato a Grande Inverno. Eddard lo alleva come uno dei suoi figli, tanto che Theon lo considererà un secondo padre; reputa Robb Stark, figlio maggiore di Eddard, come il suo migliore amico e diventerà poi il suo scudiero. Ma a Theon a quanto pare questo non basta…

I personaggi rimangono ben caratterizzati, le loro storie sono complesse e complicate, non esistono personaggi totalmente buoni e altri totalmente cattivi; le loro personalità hanno moltissime sfaccettature, ma indubbiamente ognuno di noi ha i suoi personaggi preferiti, che si amano per un motivo o per un altro.

Ma anche chi sembra cattivo ha il suo fascino, perché sono personaggi carismatici, intelligenti, furbi, subdoli, che per l’appunto affascinano, c’è poco da fare.

E non dimentichiamoci delle donne di George R. R. Martin: sono donne forti, potenti, cazzute. Donne che non hanno paura di mettersi contro gli uomini, donne che vogliono comandare, donne che manterranno sempre la testa alta.

E un uomo che delinea in modo così bello e realistico delle donne merita degli applausi. Anche perché comunque non sono donne perfette né idealizzate. E anche se vanno al potere non significa che lo eserciteranno meglio degli uomini, perché il potere dà alla testa, perché non ti fa più ragionare, perché ne vuoi sempre di più, e non importa qual è il tuo sesso, rimarrai sempre un essere umano, pieno di debolezze.

Indubbiamente Uno scontro di re mi è piaciuto molto, ma per qualche oscuro motivo che non riesco a identificare non mi sento di dargli il massimo dei voti, come invece è successo col primo volume. Forse ci sono alcuni capitoli un po’ sottotono? Forse.

Una menzione speciale va però alla Battaglie delle Acque Nere, uno dei migliori scontri delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco (non di certo l’unico) che noi lettori ricorderemo per molto tempo.

uno scontro di reuno scontro di reuno scontro di reuno scontro di re.5

Link Amazon: Uno scontro di re

Link IBS: Uno scontro di re

Ti piacciono i miei contenuti? Sostienimi con un caffè!

Potrebbe interessarti anche:

Un gioco di troni – George R. R. Martin

Il Cavaliere dei Sette Regni – George R. R. Martin

L’incendiaria – Stephen King

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad Amazon e IBS dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una piccola commissione che utilizzerò per comprare libri, alimentando così il blog e il canale YouTube.
Se vuoi sostenermi puoi acquistare dai link sovrastanti o attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

Prodotto offerto da Mondadori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.