The Help – Kathryn Stockett: una storia dai toni leggeri, ironici, dai personaggi memorabili che ha sul lettore l’effetto di un trattato sul razzismo.

The Help

the helpTITOLO: The Help

AUTORE: Kathryn Stockett

EDITORE: Mondadori

PREZZO: € 13.00 cartaceo; € 7.99 e-book

 

RECENSIONE:

Siamo a Jackson, Mississippi, 1962, un mondo molto diverso da quello a cui siamo abituati noi. Le persone di colore possono da poco sedersi dove vogliono in autobus, ma non possono usare le stesse posate dei bianchi, hanno ospedali e biblioteche diversi, bagni diversi, vite diverse. Un mondo ipocrita che dice a sé stesso che i neri non sono vittime di razzismo, semplicemente sono “uguali ma separati”.

Questo mondo lo vediamo dal punto di vista di due domestiche: Aibileen e Minny. La prima è materna e amante della cultura, ma sa cosa non può fare davanti a una donna bianca, e si attiene alle regole con apparente accettazione; Minny invece è esuberante e insolente, molto coraggiosa e protettiva verso la sua famiglia.

Dall’altra parte vediamo il punto di vista di Eugenia, detta Skeeter, una ricca ragazza bianca appena laureata e tornata da poco in città. Rivedendo le sue vecchie amicizie e avendo perso la domestica che l’aveva cresciuta, inizia a vedere il suo vecchio mondo in modo diverso e a fare domande.

Decide così di scrivere un libro di interviste, dove le domestiche hanno voce per raccontare il loro punto di vista.

«Quand’eri ragazza sapevi che un giorno avresti fatto la domestica?»

«Sissignora»

Sorrido, in attesa che aggiunga qualcosa. Ma niente.

«E lo sapevi… perché…?»

«Mia mamma era una domestica. Mia nonna era una schiava.»

Skeeter e Aibileen

Mentre Martin Luther King programma una marcia per l’uguaglianza, insieme a Skeeter conosciamo alcune storie sul rapporto tra le domestiche e le loro padrone, alcune sono positive, ma non c’è mai vera parità.

In The Help in ogni parola delle donne bianche si percepisce una contraddizione interna fortissima: i neri portano le malattie, eppure cucinano il loro cibo e curano i loro figli; mandano aiuti monetari in Africa, eppure trattano come oggetti le persone che hanno intorno. I neri per loro non saranno mai come i bianchi, e davanti a quelle parole mi sono resa conto di quanto davvero Star Trek, girato negli stessi anni, fosse all’avanguardia inserendo una donna di colore tra i personaggi principali.

«Non solo esistono i confini, ma tu sai bene quanto me dove bisogna tracciarli.»

Aibileen fa segno di no. «Io ci credevo prima, ma ora non più. Sono solo nella nostra testa. Quelli come Miss Hilly cercano di farci credere che ci sono, e invece no.»

Minny e Aibileen

Per la nostra generazione questo tipo di distinzioni tra esseri umani sono assurde, ma dobbiamo fare attenzione a non commettere gli stessi errori e soprattutto a trovare le contraddizioni che caratterizzano i nostri tempi, perché ci sono.

La potenza di The Help di Kathryn Stockett consiste proprio nel far riflettere su argomenti importanti mentre si legge una storia dai toni molto leggeri, ironici, con personaggi brillanti e memorabili. Ogni personaggio ha il suo stile di pensiero e i suoi modi di fare, a cui è facile affezionarsi.

Mentre si legge sembra un libro di narrativa leggero, ma alla fine della lettura The Help avrà sul lettore lo stesso effetto di un piccolo trattato sul razzismo.

the helpthe helpthe helpthe help

Link Amazon: The Help

Link Ibs: The Help

Ti piacciono i miei contenuti? Sostienimi con un caffè!

Potrebbe interessarti anche:

Run Hide Tell – Francesco Cotti

Le terre dei giganti invisibili – Giada Tonello

Animali come noi – Monica Pais

A presto lettori,

Fabiana

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il link sovrastante oppure attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

erigibbi

©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.