Sense8 I stagione: condividere sensazioni, comunicare a distanza, manifestarsi in altri luoghi, prendere possesso di altri corpi. Con Sense8 è possibile.

Sense8

Serie tv firmata Netflix Sense8 nasconde un gioco di parole nel titolo. Nella serie infatti con il termine sensate vengono indicati coloro che hanno delle facoltà particolari come gli otto protagonisti della suddetta serie. Ma di cosa parla Sense8?

Ci sono otto persone diversissime tra loro per età, sesso, religione, orientamento sessuale, professione e luogo d’origine, che improvvisamente diventano parte di un cluster: un gruppo che condivide sensazioni, ricordi e capacità; ognuno riesce a comunicare con gli altri, manifestandosi in altri luoghi o addirittura prendendo possesso del corpo altrui. È in questo modo che noi spettatori riusciremo a visitare gli Stati Uniti e l’India, il Kenya e l’Inghilterra, la Corea del Sud e il Messico..

Tutto questo viene inserito in uno scontro tra i sensate e un gruppo guidato da un uomo, Whispers, determinato, per non si sa quale motivo, a fermare queste persone che hanno tra l’altro le sue stesse capacità. Whispers inoltre riesce ad entrare nella mente di un sensate nel momento in cui i due si guarderanno negli occhi.

sense8Tra gli otto protagonisti abbiamo Will, poliziotto e tipico eroe di film e serie tv. Di solito non amo particolarmente queste figure ma con Will è tutta un’altra storia. Riley è una deejay; una ragazza fragile e tormentata dal suo passato da cui tenta di fuggire. Sun, ragazza coreana con le abilità di Van Damme. Wolfgang, un ladro, tipo tosto, che non si lascia influenzare da nessuno, che segue il suo istinto ma che ha un gran cuore. Kala, ragazza indiana, molto religiosa e riservata. Nomi, hacker transessuale tramite cui vengono affrontati temi molto importanti e attuali. Lito, attore di telenovela, personaggio carismatico e divertente. Capheus, autista con la passione per i film di..Van Damme!

Tutti questi personaggi per un motivo o per un altro si trovano in una o più condizioni di infelicità, insoddisfazione e tristezza ma proprio l’aiuto e il contatto con gli altri sensate riuscirà a salvare tutti loro, psicologicamente ma anche e soprattutto fisicamente.

Le capacità sovrannaturali fondamento della serie rappresentano un mezzo per passare da una storyline all’altra ed è assolutamente questo quello che più ho amato di Sense8. Le scene in cui uno o più sensate entravano in scena per aiutare un altro sensate sono state fenomenali, non vi nego che il mio piatto di pasta si è raffreddato più volte perché non riuscivo a staccare gli occhi dallo schermo.

Sicuramente in questa prima stagione ci vengono più che altro presentati i personaggi, il loro ambiente, le loro situazioni personali, le loro caratteristiche personologiche. L’azione non manca, ma è più spesso legata alle singole storyline che non alla storia vera e propria riguardante il cattivo Whispers.

Questo comunque non mi ha mai annoiato, anzi, ho amato così tanto i vari personaggi e le loro storie che spesso non mi interessava del cattivo principale ma ero sempre più curiosa di conoscere i singoli e le loro storyline, arricchite dall’intervento e dall’interazione degli altri personaggi.

Se ancora non avete visto Sense8 cosa state aspettando?

sense8sense8sense8sense8sense8

Leggi anche: Recensioni Film e Serie TV

A presto serie tv addicted,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.