Il cavaliere d’inverno – Paullina Simons: un romanzo emozionante che parla d’amore, di guerra e di lotta per la sopravvivenza in una Leningrado devastata

Il cavaliere d’inverno

il cavaliere d'invernoTITOLO: Il cavaliere d’inverno

AUTORE: Paullina Simons

EDITORE: Bur Rizzoli

PREZZO: € 10.00 cartaceo; € 6.99 e-book

 

RECENSIONE:

Leningrado – 1941

Tatiana Metanova, alla vigilia del suo diciassettesimo compleanno e, alla vigilia dello scoppio della guerra, conosce, alla fermata dell’autobus, Alexander, un ufficiale dell’Armata Rossa. Da subito tra i due nascerà qualcosa, un qualcosa che per molto tempo saranno costretti a soffocare per tante ragioni diverse ma soprattutto per amore di Dasha, la sorella di Tatiana, che è perdutamente innamorata di Alexander da prima ancora che lui potesse conoscere Tatiana.

Col passare del tempo, la guerra e la morte colpiranno inesorabilmente la famiglia di Tatiana che, ad un certo punto, si troverà costretta a seppellire suo padre, sua nonna, sua madre, sua cugina e infine anche l’ultima rimasta, sua sorella Dasha. In tutto questo tempo, però, Alexander le è sempre vicino, dapprima come amico, poi come amante. Infatti, l’ufficiale, dopo averla salvata svariate volte dalla morte certa, riuscirà a farla scappare da una Leningrado devastata dalla guerra per salvarle la vita ancora una volta. Per tanto, troppo tempo, i due resteranno separati, lui al fronte, a combattere per la patria, lei al sicuro, in un piccolo paesino lontano da Leningrado. Quando si ritroveranno, mesi dopo, tra loro riemergerà con prepotenza tutto quello che erano stati costretti a nascondere. Vivranno giorni bellissimi, all’insegna del loro amore (ri)trovato e decideranno di fare delle scelte importanti, promettendosi amore eterno, nonostante l’incombenza della guerra. Molto presto però, Tatiana scoprirà dei segreti troppo grandi riguardo Alexander, dei segreti troppo grandi anche per loro due che pur avendo deciso di affrontare qualsiasi cosa insieme, alla fine di questo primo capitolo della saga, saranno costretti a separarsi, gettando Tatiana nella disperazione più completa, convinta di aver perso per sempre il suo amato Alexander.

Quando penso a Il cavaliere d’inverno, penso a uno dei romanzi più belli che io abbia mai letto. Forse il più bello di tutti. Erano anni che non leggevo un romanzo così bello, così emozionante, che mi tenesse incollata alle pagine, con il fiato sospeso.

Non c’è stato nemmeno un momento in cui io mi sia annoiata e in cui mi sia detta “speriamo finisca presto” come mi è capitato invece per altri libri. Al contrario, ad un certo punto, ho sperato che il romanzo non finisse mai.

È impossibile staccarsi dalle pagine, è impossibile non affezionarsi ai personaggi e non sentire i loro dolori, le loro gioie, le loro paure e le loro speranze. Tutto di questo romanzo ti colpisce come un fulmine a ciel sereno, come un pugno nello stomaco. La brutalità della guerra, il dolore per la morte delle persone care, la fame e il freddo in una gelida Leningrado, la speranza per una vita migliore e la forza dell’amore.

Ogni singola pagina del romanzo racconta qualcosa di straordinariamente emozionante, doloroso, bello, come l’amore tra due persone che combattono contro una famiglia ostinata, poi contro la guerra, contro i nemici, contro le spie, contro l’Unione Sovietica negli anni del comunismo ed infine, contro la morte stessa.

Il cavaliere d’inverno pur parlando di una storia d’amore, tratta soprattutto gli effetti della guerra, di un popolo lasciato a morire di fame, della lotta per la sopravvivenza. È per me un’esplosione di vita, ma soprattutto di speranza: ad affiancare le vicissitudini della guerra, c’è un amore vero, un amore che spinge due persone a sacrificarsi l’una per l’altra, un amore che spinge due persone ad affrontare la guerra, la fame, il freddo, in una Leningrado completamente rasa al suolo dagli squadroni della morte di Hitler.

La storia è narrata con uno stile semplice ma a mio parere perfetto. Non risulta mai lenta, non risulta mai scontata o banale, non risulta mai noiosa. Ogni pagina scorre veloce, ogni pagina ha un colpo di scena, lasciandoti con il fiato sospeso e con la voglia di andare sempre più a fondo, per scoprire cosa succederà a Tatiana e Alexander.

Ho amato tutto di questo romanzo, tutto, dallo stile alla storia e soprattutto i personaggi. Non so come continuerà la saga, ma spero di scoprirlo presto.

Addio, mia canzone sotto la luna e mio respiro, mie notti bianche e giorni d’oro, mia acqua fresca e mio fuoco. Addio. Che tu possa trovare conforto e una vita migliore e, quando l’alba occidentale illuminerà ancora una volta il tuo viso adorato, sii certa che quello che ho sentito per te non è stato invano. Addio… e abbi fede, mia dolce Tatiana.

il cavaliere d'invernoil cavaliere d'invernoil cavaliere d'invernoil cavaliere d'invernoil cavaliere d'inverno

Link Amazon: http://amzn.to/2ARGmO3

Leggi anche altre Recensioni libri

Voi lo avete letto? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!

A presto lettori,

Flamesreadings

 

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il link sovrastante oppure attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

erigibbi

©

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.