Amabili resti – Alice Sebold: una ragazzina stuprata e poi fatta a pezzi da un serial killer narra la vicenda dal cielo, dal suo paradiso personale.

Amabili resti

amabili restiTITOLO: Amabili resti

AUTRICE: Alice Sebold

EDITORE: E/O

PREZZO: € 9.40 cartaceo; € 8.99 e-book

 

RECENSIONE:

Susie Salmon è stata assassinata da un serial killer, un vicino di casa che in paese molti reputano strano, ma innocuo. Un uomo dall’aria perbene, che attira Susie in una buca, la stupra e ne fa a pezzi il povero corpo.

E la storia è affidata proprio a lei, a Susie, che dopo la morte narra la vicenda dal cielo, dal suo personalissimo paradiso.

Amabili resti è una sorta di giallo perché vogliamo sapere chi è davvero l’uomo che ha ucciso Susie, come si comporta il suo assassino, qual è la sua storia, come avanzano le indagini e come reagisce la famiglia di Susie, straziata dal dolore.

E vediamo così un padre che fin da subito sente che c’è qualcosa che non va in quell’uomo, ma nessuno gli crede; vediamo un padre consumarsi nel dolore, giorno dopo giorno, ma che tenta in tutti i modi di rimanere a galla per la sua famiglia. Vediamo una madre che si sente soffocare sempre di più in quelle mura, che odorano di Susie, impregnate dai ricordi della sua breve vita. Vediamo una sorella minore che si ritrova sorella maggiore, e che dolorosamente ricorda agli altri quanto assomiglia a Susie, quanto è viva, mentre Susie è morta. Vediamo un fratello piccolo che non sa davvero dove sia finita Susie perché nessuno, per un bel pezzo, ha il coraggio di dire quella parola, tanto dolorosa quanto necessaria: morta.

Amabili resti è stato un libro doloroso, anche un po’ tosto in alcuni momenti, che mi ha stretto il cuore e inumidito gli occhi. Probabilmente è originale per il punto di vista narrativo, o almeno lo è stato per me, che di gialli narrati dalla vittima che si trova in un paradiso tutto suo non ne avevo mai letti.

Mi è indubbiamente piaciuto, ma alcune cose per me dovevano essere un po’ diverse. Ci sono in particolari due dettagli che non ho apprezzato particolarmente.

Il primo riguarda la storyline del serial killer su cui si sa davvero poco; fin qui ok, va bene, è una scelta dell’autrice che si è voluta concentrare su altro come il dolore della famiglia e le indagini della polizia. Il finale però, mi ha lasciato davvero l’amaro in bocca. E non tanto per come finisce per quest’uomo: una fine che non mi ha dato particolare soddisfazione, è vero, ma per me il problema è dovuto a una fine davvero troppo veloce, fatta in poche righe e così, di punto in bianco. Non so, è stato un aspetto del libro che mi ha lasciato perplessa.

Il secondo riguarda la protagonista, Susie, e il suo momentaneo ritorno sulla terra (a tale proposito non vi dico altro, non voglio dirvi il come e il perché). È come se Alice Sebold con questo avesse voluto esagerare. Almeno questo è quello che ho provato io. Mi piace che la storia sia narrata dalla vittima, mi piace l’esistenza di un paradiso personale che modifichiamo in base ai nostri desideri e alla nostra volontà, mi piace che la sua presenza sia a volte percepita da chi è ancora vivo e l’ha amata. Perché ci possiamo credere o meno, ma di per sé ha un senso e forse una sua credibilità anche per chi non crede (scusate la ripetizione) in certe cose. Ma tornare sulla terra per me è stato troppo. Mi chiedo se si dovesse per forza dare quel tipo di risvolto alla storia.

Insomma, nonostante il libro mi sia piaciuto e mi abbia trasmesso delle emozioni, presenta qualcosa che non mi ha convinto del tutto. Oltre a questi due particolari di cui vi ho appena parlato, in generale ho avuto la sensazione che ci fosse dell’altro che non mi convincesse del tutto. Ho cercato di identificare cosa fosse questo “altro”, ma in tutta onestà non ci sono riuscita. Resta comunque una lettura che mi sento di consigliare.

amabili restiamabili restiamabili restiamabili resti

Link Amazon: Amabili resti

Link Ibs: Amabili resti

Ti piacciono i miei contenuti? Sostienimi con un caffè!

Potrebbe interessarti anche:

Isolati – Iris Bonetti

Come ordinare una biblioteca – Roberto Calasso

L’assassinio del Commendatore – Haruki Murakami

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad Amazon e IBS dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una piccola commissione che utilizzerò per comprare libri, alimentando così il blog e il canale YouTube.
Se vuoi sostenermi puoi acquistare dai link sovrastanti o attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.