L’ultimo segreto di Paganini – Davide Lazzeri: un thriller storico che intreccia psiconeurobiologia, chirurgia rigenerativa, nazismo e il mito di Paganini.

L’ultimo segreto di Paganini

l'ultimo segreto di paganiniTITOLO: L’ultimo segreto di Paganini

AUTORE: Davide Lazzeri

EDITORE: Self-publishing

PREZZO: € 14.90 cartaceo; € 7.99 e-book

 

RECENSIONE:

L’ultimo segreto di Paganini è un romanzo storico che si basa sull’intreccio di diversi argomenti.

La storia inizia con degli importanti documenti ritrovati tra vecchi scatoloni. Sembra infatti che tra le scartoffie ci sia un inedito di Paganini e solo a vedere la quantità di note sembra una melodia impossibile da riprodurre. Il documento sembra valere milioni.

Allo stesso tempo sullo sfondo si parla di ricerca medica, di successi e scoperte in vari campi come la psiconeurobiologia e la chirurgia ricostruttiva e rigenerativa. All’apparenza sembra non esserci nessun collegamento, ma tra un omicidio e l’altro, cadaveri amputati e caccia all’uomo, Davide Lazzeri dà vita a un buon romanzo, e tutti i tasselli di questo complicato puzzle vengono ritrovati e posizionati in modo giusto.

Fin da subito mi sembrava chiaro che ci fosse un collegamento tra Paganini, famoso violinista genovese, e la psiconeurobiologia visto che nel libro si parla della musica e della possibilità che il suo utilizzo provochi dei benefici nella cura di determinate patologie. Ma capire dove si collocava questo legame, dove l’autore volesse andare a parere, be’ quella è stata tutta un’altra storia.

Come se questo non bastasse, Davide Lazzeri ha inserito nel suo libro anche l’Ahnenerbe, un’associazione fondata da Himmler nel ’35 che si occupava di ricerche sulle origini antropologiche e culturali della razza ariana. Lo scopo di tali ricerche lo conosciamo tutti. Il punto è: cosa ci fanno i nazisti in questo libro? Questa è stata la domanda che mi sono posta. Tutto ha un senso, credetemi.

Altra caratteristica del romanzo è la diversa ambientazione nello spazio e nel tempo. Quando il narratore è Sivori, amico e ultimo allievo di Paganini, ci spostiamo a seconda dei luoghi in cui il celebre violinista ha vissuto o ha tenuto alcune delle sue esibizioni: Lucca, Milano, Vienna, Berlino, Parigi, Londra, Marsiglia e per finire Nizza, dov’è morto; in questo caso la narrazione inizia nel 1805 e termina nel 1840.

Quando la narrazione è ambientata nei giorni nostri, in particolare tra il 2012 e il 2014, il lettore viaggia da Ginevra a Londra, da Parigi a New York, da Mosca a Shangai, da Genova a Chausey Island, da Tokyo a Wewelsburg, da Madrid a Nizza.

Questo non solo perché si seguono le tracce di Paganini e del suo violino, ma perché i personaggi che entrano in gioco sono tanti, hanno nazionalità diverse e operano in campi professionali diversi.

Alla fine però, come vi dicevo prima, tutto si collegherà e avrà un senso.

All’università ho preparato un esame di psicobiologia quindi alcuni argomenti trattati e la terminologia usata da Davide Lazzeri li conoscevo già. So dell’importanza della musica in alcune terapie e per alcune patologie. Devo dire però che alcuni passaggi erano molto scientifici e per capire al meglio quello di cui l’autore parla si deve prestare davvero molta attenzione a quello che si sta leggendo ed eventualmente anche rileggere alcune parti. Questo è stato l’unico piccolo ostacolo che ho riscontrato nel romanzo.

È stato un libro sicuramente intrigante. Considerate infatti che quando leggo un romanzo storico sono sempre affascinata da quello che l’autore decide di scrivere perché mi chiedo fino a dove arriva la verità e dov’è quindi che inizia la finzione. A quanto pare questa è una domanda che si pone anche l’autore ed è per questo che a fine libro si trova una postfazione interessante che soddisfa la curiosità del lettore.

Davide Lazzeri si sofferma quindi su Niccolò Paganini, sulla storia del suo violino, sulla tecnica usata da questo importante violinista italiano, sugli inediti paganiniani, sulla musicoterapia e la psiconeurobiologia, sull’associazione Ahnenerbe e infine sulla chirurgia ricostruttiva e rigenerativa. Non spaventatevi, l’approfondimento per ogni argomento è breve e scorrevole e semplicemente soddisferà le vostre curiosità e la voglia di sapere quanto c’è di vero in L’ultimo segreto di Paganini. Una scelta dell’autore che ho davvero apprezzato e che mi piacerebbe ci fosse in ogni romanzo storico.

l'ultimo segreto di paganinil'ultimo segreto di paganinil'ultimo segreto di paganinil'ultimo segreto di paganini

Link Amazon: L’ultimo segreto di Paganini

Link Ibs: L’ultimo segreto di Paganini

Ti piacciono i miei contenuti? Sostienimi con un caffè!

Potrebbe interessarti anche:

Le Cronache di Narnia (Il viaggio del veliero; La sedia d’argento; L’ultima battaglia) – C.S. Lewis

Il gioco della vita – Mazo de la Roche

Una vita in battaglia – David Savarese

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad Amazon e IBS dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una piccola commissione che utilizzerò per comprare libri, alimentando così il blog e il canale YouTube.
Se vuoi sostenermi puoi acquistare dai link sovrastanti o attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

AD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.