Sommersione – Sandro Frizziero: la storia di un vecchio pescatore, un uomo abbietto, odiato da tutti, che si è macchiato di atti infami, beceri e disumani.

Sommersione

sommersioneTITOLO: Sommersione

AUTORE: Sandro Frizziero

EDITORE: Fazi

PREZZO: € 16.00 cartaceo; € 8.99 e-book

 

RECENSIONE:

Ci troviamo nel nord Italia, in un’isola.

Il narratore utilizza la seconda persona per parlarci di un abitante, un vecchio pescatore.

Si tratta di un uomo abbietto, odiato da tutti, e che impiega poche pagine per farsi odiare anche da noi lettori.

Un uomo che fin da giovane non ha mai mostrato rispetto nei confronti degli altri, di sé stesso e della vita. Un uomo bruto e brutto, cattivo, di quella cattiveria che ti fa ribrezzo, che ti fa schifo.

Un ragazzo che stupra una giovane ragazza, convinto che sia lei a volerlo; un ragazzo che volta le spalle a un coetaneo che sta affogando; un uomo che non sopporta l’abbaiare del cane della vicina e offre all’animale delle polpette di carne avvelenate; un uomo che odia la moglie anche da morta, come ha sempre fatto anche quando la povera donna era ancora in vita; un uomo che per la figlia non ha alcun interesse; un uomo che scrive calunnie verso un parroco che è riuscito a farsi amare dai compaesani…

È come se quest’uomo racchiudesse su di sé tutto il catrame, la pece, il nero, l’oscurità, l’abisso. E leggendo di lui, ti senti a tua volta sporca, con i piedi nella melma, da cui non riesci a uscirne, anzi, un poco a poco la situazione peggiora, e ti sembra di essere nelle sabbie mobili, che ti tirano giù, sempre più giù, fino a sommergerti.

E poi ci sono le bestemmie. Bestemmie scritte. Bestemmie che il lettore si ritrova a pronunciare, anche se mentalmente, perché quel libro lo sta leggendo, e le bestemmie appaiono come qualsiasi altra parola. E quindi alla fine è come se tu, lettore, bestemmiassi. E questo non lo trovo giusto. Lo trovo scorretto nei confronti di chi legge, e che non avrebbe nessuna intenzione di bestemmiare.

Certo, la bestemmia rende bene il contesto dove si svolge la storia, e rende bene anche il tipo di uomo con cui abbiamo a che fare. Ma è una scelta che non condivido.

In generale Sommersione di Sandro Frizziero è un romanzo piuttosto forte, probabilmente non adatto a tutti perché l’uomo di cui l’autore parla si è macchiato di atti infami, beceri e disumani. Un romanzo che in alcuni punti mi ha coinvolto di più, e in altri meno. Un romanzo che in tutta onestà non so se mi sento di consigliare.

Mentre la felicità è una compagna infingarda, sempre propensa all’inganno, che certo fa star bene in un primo momento, ma come può farlo anche la peggior droga o la meno esperta delle puttane – non è, quindi, per niente affidabile, non è adatta a metter su famiglia –, l’infelicità, invece, non rinnega e non respinge nessuno; un infelice non è solo neppure quando cammina o scherza, nemmeno quando scopa o caga, perché l’infelicità gli resta accanto in ogni momento.

sommersionesommersionesommersione

Link Amazon: Sommersione

Link Ibs: Sommersione

Ti piacciono i miei contenuti? Sostienimi con un caffè!

Potrebbe interessarti anche:

Le facce della menzogna – Mariano Fontaine

Ballata dell’usignolo e del serpente – Suzanne Collins

Le Cronache di Narnia (Il nipote del mago; Il leone, la strega e l’armadio) – C.S. Lewis

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad Amazon e IBS dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una piccola commissione che utilizzerò per comprare libri, alimentando così il blog e il canale YouTube.
Se vuoi sostenermi puoi acquistare dai link sovrastanti o attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

Prodotto offerto da Fazi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.