Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde – Robert Louis Stevenson: il classico romanzo gotico sull’ambivalenza della natura umana.

Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde

lo strano caso del dottor jekyll e del signor hydeTITOLO: Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde

AUTORE: Robert Louis Stevenson

EDITORE: Mondadori

PREZZO: € 10.00 cartaceo; € 0.99 e-book

 

RECENSIONE:

La voce narrante de Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde è rappresentata dall’avvocato londinese Utterson, amico del dottor Jekyll. Quest’ultimo è riuscito a creare una pozione in grado di scindere il Bene e il Male che caratterizzano l’uomo. Con questa sostanza emerge Hyde, che significa nascosto, un essere spregevole, malvagio, senza morale, brutto anche nell’aspetto. Al contrario del dottor Jekyll, che è sempre stato un buon uomo, dall’animo docile e gentile.

Direi che sulla trama non c’è bisogno di aggiungere nient’altro, anche perché bene o male sappiamo tutti di cosa parla il libro.

Il romanzo è piuttosto breve; Robert Louis Stevenson non si perde in chiacchiere, va dritto al sodo, ma non tralascia descrizioni piuttosto dettagliate. Devo dire però che mi aspettavo qualcosa in più, non a livello emotivo, ma proprio a livello di contenuti: una spiegazione in più, qualche pagina che aggiungesse qualcosa al finale che, a suo favore, non è per nulla banale e scontato.

Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde è un altro romanzo gotico per eccellenza, e forse proprio per i toni cupi e un po’ spettrali potrebbe ricordare un altro romanzo dello stesso piuttosto conosciuto: Dracula di Bram Stoker.

È sicuramente interessante come in poche pagine l’autore sia riuscito a parlare di un argomento sempre attuale come l’ambivalenza del comportamento umano, una mente divisa tra un comportamento morale e razionale e un comportamento amorale, irrazionale, lasciato in balia delle pulsioni più viscerali dell’uomo.

Come spesso accade, la bruttezza dello spirito si manifesta anche in bruttezza fisica. Nel libro chi vede Hyde non riesce a descriverlo con precisione, ma ci sono sempre dei tratti ricorrenti in queste descrizioni come l’essere piccolo di statura, quasi deforme, e sempre si parla delle emozioni che questa visione suscita nelle persone: angoscia e malvagità.

«Non saprei descrivertelo. Nel suo aspetto c’è qualcosa che non torna, qualcosa di sgradevole, di ignobile addirittura. Non mi è mai capitato d’incontrare una persona che mi abbia comunicato una simile, istintiva ripulsa. Ci deve essere qualcosa di deforme in lui e, anche se non saprei localizzarla, in quella figura s’avverte un’anomalia. È un essere dall’aspetto sconcertante, e tuttavia non si riesce a cogliere nulla in lui fuori dall’ordinario. Nossignore, non mi ci raccapezzo, e non riesco a descriverlo.»

O ancora:

Il signor Hyde gli era apparso cereo e come rattrappito: dava l’impressione della deformità senza alcuna malformazione definitiva; aveva un sorriso repellente; nei suoi confronti, poi, s’era comportato con un miscuglio delinquenziale di neghittosità e di arroganza; la sua voce era suonata rauca, tutta sibili e farfugliamenti […]

[…] non mi sembra nemmeno un essere umano. Dà l’idea, come dire, di un essere primordiale.

Si parla poi di:

Ossessiva impressione di indefinita mostruosità che il fuggiasco lasciava in chi l’aveva visto.

E per finire:

Il male […] aveva lasciato in quel corpo l’impronta della deformità e della decadenza. […] Hyde, nel novero degli uomini, era il male allo stato puro.

Nell’edizione Mondadori che possiedo, oltre a Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde, ci sono altri due racconti: Il trafugatore di salme e Un capitolo sui sogni.

Il primo, a sfondo più horror, parla proprio di salme trafugate. I protagonisti sono Macfarlane, noto medico londinese, e Donald Fettes, suo studente. Quest’ultimo aiutava il dottore a procurarsi cadaveri per esperimenti scientifici. I due si incontrano dopo molti anni e questo porta Fettes a raccontare, tramite un lungo flashback, la vicenda che ha sconvolto la loro vita. Un racconto che mi è piaciuto parecchio.

In Un capitolo sui sogni l’autore richiama alla mente i sogni che spesso lo tormentano, ma che gli sono anche stati d’aiuto per la creazione di alcune sue opere. In questo piccolo racconto Stevenson spiega anche la genesi de Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde. Un capitolo davvero interessante.

In conclusione, nonostante mi aspettassi qualcosa in più da Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde, devo dire che ho apprezzato l’opera di Robert Louis Stevenson e che la trovo anche d’avanguardia per gli studi sulla mente umana, poi approfonditi da Freud e dalla psicoanalisi.

Non ho disdegnato nemmeno gli altri due racconti, Il trafugatore di salme e Un capitolo sui sogni, per cui mi sento di consigliarvi questa precisa edizione della Mondadori, che tra l’altro ha anche il testo inglese a fronte con cui il lettore si può cimentare.

lo strano caso del dottor jekyll e del signor hydelo strano caso del dottor jekyll e del signor hydelo strano caso del dottor jekyll e del signor hydelo strano caso del dottor jekyll e del signor hyde

Link Amazon: Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde

Link Ibs: Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde

Ti piacciono i miei contenuti? Sostienimi con un caffè!

Potrebbe interessarti anche:

Fool’s Errand – Robin Hobb

Sette brevi lezioni di fisica – Carlo Rovelli

La città di sabbia – Laini Taylor

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad Amazon e IBS dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una piccola commissione che utilizzerò per comprare libri, alimentando così il blog e il canale YouTube.
Se vuoi sostenermi puoi acquistare dai link sovrastanti o attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.