Gli occhi del drago – Stephen King: un romanzo fantastico, che appare quasi come una fiaba, caratterizzato dalla costante lotta tra bene e male.

Gli occhi del drago

gli occhi del dragoTITOLO: Gli occhi del drago

AUTORE: Stephen King

EDITORE: Sperling & Kupfer

PREZZO: € 9.90 cartaceo; € 6.99 e-book

 

RECENSIONE:

Gli occhi del drago è un romanzo fantastico, pubblicato da Stephen King nel 1984, e l’interno è arricchito da illustrazioni in bianco e nero di David Palladini.

Ci troviamo nel regno di Delain, con a capo l’ormai vecchio re Roland che è comunque contento all’idea di lasciare il trono al suo amato figlio Peter, un ragazzo valoroso e leale. Ma c’è un uomo da non sottovalutare nella corte di Delain: il mago Flagg, che da anni aspira al potere e alla distruzione.

Gli occhi del drago è in tutto e per tutto un fantasy classico, che appare quasi come una fiaba, caratterizzato dalla costante lotta tra bene e male e la costante presenza della magia.

L’aspetto per me interessante de Gli occhi del drago è dato, ancora una volta, dai vari riferimenti alla saga della Torre Nera scritta dallo stesso King. Abbiamo il mago di corte, Randall Flagg, che compare non solo nella Torre Nera, ma anche ne L’ombra dello scorpione; re Roland è un altrettanto chiaro riferimento alla Torre Nera considerato che il suo protagonista si chiama proprio Roland; anche la città di Delain si trova nella già citata saga, situata nell’entro mondo.

Io ho notato un riferimento anche a un altro libro di King e la cosa che più mi stupisce è che nel web non ho trovato nessuno che ha sottolineato questa piccola chicca. King a un certo punto, parlando di Flagg, scrive:

[…] li stava inseguendo un mostro, un innominabile, orribile It.

Ho rischiato di avere un infarto.

Comunque, come dicevo poco più su, Gli occhi del drago sembra una fiaba. Effettivamente Stephen King ha scritto il libro per i suoi figli, in particolare per la figlia Naomi, che all’epoca era troppo piccola per poter leggere i romanzi horror del padre. Proprio per questa caratteristica il libro ha subito diverse critiche da parte dei fan dello scrittore che, guarda caso, subito dopo ha scritto Misery, come metafora del fatto che fosse obbligato a scrivere horror.

Secondo me il problema principale de Gli occhi del drago non è il fatto che di macabro o horror ci sia poco o nulla; il problema è che rispetto ad altre opere dell’autore (pensiamo al fatto che prima di questo libro è uscito un libro come It!) questo romanzo è decisamente sottotono.

Non è così avvincente, non ti tiene sulle spine, non ti fa voltare una pagina dopo l’altra in preda alla frenesia e alla voglia di voler sapere cosa succede perché è tutto molto piatto e lineare.

La cosa diventa comprensibile nell’ottica di “libro scritto per una bambina”, ma crea dei problemi nel momento in cui lo consideriamo “libro scritto da Stephen King, uscito dopo It”.

Dopo un capolavoro del genere, ritrovarsi tra le mani Gli occhi del drago è sicuramente deludente per un lettore. Quindi capisco l’amarezza dei fan da questo punto di vista, ma criticare lo scrittore perché all’interno di questo romanzo non ci sono elementi horror, no, mi dispiace, è una critica che non posso condividere né comprendere.

Gli occhi del drago è un libro normale, non di certo un capolavoro, ma nemmeno un libro da buttare. È un libro ok, uno di quei libri carini che si dimenticano facilmente quindi non è che ve ne sconsiglio la lettura, perché non è brutto, ma se volete leggere un libro di Stephen King davvero bello, di sicuro non vi posso nominare questo libro.

Volevo fare anche un piccolo appunto sulla traduzione che sinceramente non ho trovato eccelsa, tutt’altro, e questo di certo non migliora le cose.

gli occhi del dragogli occhi del dragogli occhi del drago

Link Amazon: Gli occhi del drago

Link Ibs: Gli occhi del drago

Ti piacciono i miei contenuti? Sostienimi con un caffè!

Potrebbe interessarti anche:

It – Stephen King

Scheletri – Stephen King

L’occhio del male – Stephen King

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad Amazon e IBS dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una piccola commissione che utilizzerò per comprare libri, alimentando così il blog e il canale YouTube.
Se vuoi sostenermi puoi acquistare dai link sovrastanti o attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.