Ma le stelle quante sono – Giulia Carcasi: un romanzo che, tramite le vicende e le esperienze dei suoi protagonisti, parla ai giovani adolescenti.

Ma le stelle quante sono

ma le stelle quante sonoTITOLO: Ma le stelle quante sono

AUTORE: Giulia Carcasi

EDITORE: Feltrinelli

PREZZO: € 8.50 cartaceo; € 6.99 e-book

 

RECENSIONE:

Alice e Carlo sono due adolescenti che frequentano la stessa classe. Tra amicizie, primi amori, maturità e professori, vivono le esperienze di tutti i loro coetanei, ognuno a modo suo. Carlo è il classico imbranato dal cuore d’oro e Alice è una combattente molto sognatrice. È facile sbagliare, soprattutto a quell’età, ma sono proprio gli errori che ci fanno aprire gli occhi e ci fanno capire, e a quel punto inizieremo davvero a guardarci intorno. Ad Alice e Carlo accade proprio questo, e pian piano riusciranno a riprendere fiducia in loro stessi.

Ma le stelle quante sono mi è stato consigliato da una compagna di scuola che con grande enfasi mi disse: “È bellissimo! Devi leggerlo assolutamente!”. Il tempo è passato ma a me il pallino di leggere questo romanzo è rimasto comunque, incuriosita soprattutto dal doppio punto di vista dei due protagonisti di cui si serve l’autrice per raccontarci questa storia. Così, nonostante non abbia più quattordici anni, ma bensì venticinque, e con la consapevolezza che probabilmente non avrei apprezzato la storia allo stesso modo, quando l’ho trovato in scambio mi sono chiesta: ”Perché no?”. D’altronde la curiosità è rimasta sempre la stessa del giorno in cui me ne hanno parlato la prima volta.

Come vi ho già anticipato in questo libro troviamo due punti di vista: quello di Alice da un lato, e girando il libro quello di Carlo. Nelle due parti del romanzo vengono descritti gli stessi momenti e le stesse situazioni però ovviamente, poiché cambia il punto di vista, cambiano anche i particolari a cui si dà maggiormente attenzione. Possiamo dire quasi che il punto di vista di Carlo “approfondisce” e “chiarisce” alcune parti del racconto di Alice, senza risultare mai noioso o ripetitivo, perché ci mette del suo raccontando di sé stesso. Questa struttura evita che il lettore entri in confusione, cosa che potrebbe accadere quando ci sono più punti di vista.

Il linguaggio utilizzato da Giulia Carcasi è molto colloquiale e giovanile, ma allo stesso tempo diretto e schietto, con la presenza di tante parole che spesso vengono usate nel gergo dei ragazzi. È ovviamente una scelta che si sposa perfettamente con questo romanzo, essendo i protagonisti molto giovani, e che non risulta assolutamente forzato, probabilmente anche grazie al fatto che la stessa autrice, Giulia Carcasi, aveva appena vent’anni quando ha scritto Ma le stelle quante sono.

Nonostante sia stato pubblicato nel 2005 e quindi descrive una generazione che ancora non aveva conosciuto social network, WhatsApp e Smartphone, i temi trattati sono quelli che girano intorno ai problemi che tutti gli adolescenti, di qualunque generazione, prima o poi si ritrovano a dover affrontare: la scuola, i professori e la maturità; le prime volte, i primi amori e le prime delusioni; gli amici, quelli veri e non; la ricerca di sé stessi, cambiare per poter piacere agli altri e cercare di essere accettati e poi capire, solo dopo, che forse non è così che dovrebbe andare; sentirsi adulti e voler decidere da soli per il proprio futuro, combattendo le ingiustizie e difendendo le proprie idee.
Chi non si è trovato almeno una volta in una di queste situazioni?

È sicuramente un libro più adatto a chi, quel periodo, deve ancora viverlo. Come ho immaginato quando l’ho iniziato, infatti, non ho provato le stesse emozioni che avrebbe provato la me quattordicenne leggendo questo romanzo. Ma nonostante questo devo dire che la storia mi ha comunque incuriosita e mi ha spinta a voler andare avanti e continuare la lettura, grazie anche alla scorrevolezza dello stile della Carcasi.

È un romanzo che, secondo me, colpisce e insegna tanto ai ragazzi che si stanno affacciando o sono nel bel mezzo dell’adolescenza. Se non siete adolescenti e volete comunque provare a dare una possibilità a questa storia, perché no? Però iniziate la lettura consapevoli che è una storia di ragazzi e pensata quindi per un target giovane.

una danza con i draghiuna danza con i draghiuna danza con i draghi .5

Link Amazon: Ma le stelle quante sono

Link Ibd: Ma le stelle quante sono

Ti piacciono i miei contenuti? Sostienimi con un caffè!

Potrebbe interessarti anche:

Il grande Gatsby – Francis Scott Fitzgerald

Una danza con i draghi – George R.R. Martin

7 – Federico Montel

A presto lettori,

Giorgia

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad Amazon e IBS dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una piccola commissione che utilizzerò per comprare libri, alimentando così il blog e il canale YouTube.
Se vuoi sostenermi puoi acquistare dai link sovrastanti o attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

erigibbi

©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.