Royal Assassin – Robin Hobb: secondo libro fantasy della trilogia dei Farseer (Lungavista) che trovate in italiano col titolo L’assassino di corte.

Royal Assassin

royal assassinTITOLO: Royal Assassin

AUTORE: Robin Hobb

EDITORE: HarperVoyager

PREZZO: € 12.99 cartaceo; € 5.15 e-book

 

RECENSIONE:

Se vi siete persi la recensione del primo volume la potete recuperare cliccando qui.

Royal Assassin è il secondo libro della trilogia dei Lungavista che potete trovare anche in italiano col titolo L’assassino di corte.

Non voglio addentrarmi nella trama di questo secondo volume per non fare spoiler a nessuno, quindi sarò molto generica.

In Royal Assassin l’ambientazione principale è la corte dei Lungavista. Robin Hobb non si addentra quasi mai al di fuori di Castelcervo: possiamo curiosare nel centro città, nelle navi e nel loro equipaggiamento, utili per contrastare i pirati delle Navi Rosse, ma la nostra esplorazione finisce lì.

Fitz è cresciuto, è sempre più evidente sia nel carattere che nell’aspetto fisico la sua somiglianza con suo padre, figlio di re Sagace, ed è maturato. La cosa che più mi piace di lui, in quanto personaggio, è il suo lato umano (e questo è un bel paradosso se consideriamo che per “colpa” dello Spirito rischia di diventare sempre più bestia): si entusiasma facilmente, ma altrettanto facilmente si deprime nel momento in cui si ritrova davanti a ostacoli che sembrano insormontabili o nel momento in cui le cose non vanno come vorrebbe. E sì, è maturato, ma fa ancora degli sbagli da giovane ragazzo-uomo qual è.

Il suo rapporto con gli animali e in particolare lo Spirito mi ha ricordato gli Stark di George R.R. Martin e in particolare la capacità di entrare nel corpo del loro metalupo. Spirito e Arte è sicuramente l’aspetto più interessante della trilogia secondo me, ma Robin Hobb non soddisfa mai subito tutta la curiosità del lettore perché svela solo un po’ alla volta tutto quello che questi due tipi di magia comportano per chi ne è dotato e li sa usare.

L’analisi politica e il potere sono sempre più centrali nella storia, così come la fedeltà: si può essere fedeli in modi diversi, a diverse cose o a diverse persone. I personaggi dimostrano che si può essere fedeli a una persona, certo, ma non per forza tutti gli altri personaggi saranno fedeli a quella stessa persona; si può essere fedeli a una causa, giusta o sbagliata che sia, o a uno scopo, positivo o meno.

Ogni personaggio, come nel primo volume, è ben caratterizzato, sia esso principale o secondario ed è piacevole vedere come le donne abbiano la loro importanza e siano dei personaggi forti, spesso sottovalutati dagli uomini, quando in realtà sono spesso coraggiose e forti tanto quanto loro.

«Le nostre ambizioni e le mete che stabiliamo per noi stessi, la struttura che cerchiamo di imporre al mondo, non sono altro che l’ombra di un albero gettata sulla neve. Cambierà con il movimento del sole, sarà inghiottita nella notte, vacillerà con il vento, e quando la neve liscia scompare, giacerà distorta sulla terra irregolare. Ma l’albero continua a esistere.»

Royal Assassin mi è piaciuto molto, ma l’ho apprezzato leggermente meno rispetto al primo volume. Ci sono stati spesso dei capitoli statici, in cui non si procedeva nella narrazione e in particolare ho trovato che Robin Hobb si sia soffermata troppo sul rapporto tra Fitz e Molly, suo grande amore. Negli ultimi capitoli però si vola: ho letto una pagina dopo l’altra, divorando letteralmente la parte finale, ricca di azione, di combattimenti a colpi di coltello o di mente, di astuzia e di sotterfugi, di macchinazioni e imbrogli.

Royal Assassin è stato comunque un bel libro e una bella lettura. Trovo che Robin Hobb, in Italia almeno, sia troppo sottovalutata, sia dai lettori che dalle case editrici, ed è un vero peccato.

royal assassinroyal assassinroyal assassinroyal assassin

Link Amazon: Royal Assassin

Link IBS: L’assassino di corte

Ti piacciono i miei contenuti? Sostienimi con un caffè!

Potrebbe interessarti anche:

Assassin’s Apprentice – Robin Hobb

Lettera alla sposa – Licia Allara

Che nessuno s’innamori – Paola Russo

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad Amazon e IBS dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una piccola commissione che utilizzerò per comprare libri, alimentando così il blog e il canale YouTube.
Se vuoi sostenermi puoi acquistare dai link sovrastanti o attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.