Amen – Giorgio Polo: un distopico dove i cambiamenti terribili che accadono vengono addolciti dall’amicizia di quattro bambini.

Amen

amenTITOLO: Amen

AUTORE: Giorgio Polo

EDITORE: Edizioni Effetto

PREZZO: € 15.00 cartaceo

 

RECENSIONE:

I protagonisti di Amen sono quattro amici che si incontrano da bambini, sui banchi di scuola. Quattro amici che non potrebbero essere più diversi tra loro: Serenity è una bambina con molta fantasia e creatività che ama la natura, gli animali, la musica, i colori e ogni bellezza del nostro mondo; Fatima è una stacanovista, un’organizzatrice del lavoro, capisce subito cosa deve essere fatto e sa ottimizzare i tempi per portare a termine il tutto nel modo più efficace possibile; Steve è un genio con la passione per i calcoli, i numeri, le statistiche, le probabilità e le tecnologie; Gengys è tutto tatuato per colpa di sua mamma che è una tatoostilista e nonostante l’apparenza lo faccia sembrare un bambino di cui bisogna aver paura (e in un certo senso è vero), Gengys ama Mozart e ha un animo buono.

Già da queste premesse si può dedurre che Amen di Giorgio Polo non sia un romanzo comune e infatti, se lo avete pensato, non vi sbagliate.

Amen è una sorta di romanzo distopico dove i cambiamenti terribili che pian piano accadono per colpa della sete di potere vengono addolciti dalle stranezze dei quattro bambini, dalle loro peculiarità e da una sottile ironia che sì, fa sorridere, ma fa anche riflettere il lettore visto che viene usata dall’autore per denunciare quello che sta accadendo nei giorni nostri.

Un distopico ironico non l’avevo mai letto e dire che ne sono rimasta piacevolmente sorpresa è poco: Amen mi è davvero piaciuto molto!

Ho apprezzato tutti e quattro i bambini protagonisti che senza dubbio sono stati caratterizzati molto bene; l’unica che mi è sembrata una figura un po’ in disparte rispetto agli altri è stata Fatima e infatti è stata anche l’unica a cui mi sono affezionata meno. I bambini poi sono sì, dei bambini, ma allo stesso tempo sembrano degli adulti, hanno un linguaggio più sviluppato rispetto a quello a cui siamo abituati a sentire quando parliamo con un bambino di sei anni, alcuni di loro (e non faccio riferimento ai protagonisti) sono dei bulletti che hanno dei comportamenti più tipici degli adolescenti e così via. Però, nonostante questa “incongruenza” (chiaramente voluta dall’autore) tutto sembrava nella norma perché Giorgio Polo è riuscito a creare un contesto in cui queste caratteristiche non davano l’impressione di essere sbagliate, ma anzi, perfette per la storia che si stava leggendo.

Quello che più mi ha incantato è stata l’ironia, il fatto che mi ritrovavo a sorridere per alcune battute o alcune scene e allo stesso tempo mi ritrovavo a pensare: “oddio, dove siamo arrivati”.

Essendo un distopico, nonostante i sorrisini e le battutine, il libro fa il suo dovere: fa riflettere su un mondo diverso dal nostro, ma dalle caratteristiche e dalle problematiche molto simili. Quando si legge Amen non è che si va a pensare: “vabbè, è un’opera di fantasia, figuriamoci”. No, quello che si pensa è: “cavolo, è un’opera di fantasia, ma non siamo poi così distanti dalla nostra realtà. C’è da aver paura”.

E visto che io un distopico così non l’avevo mai letto, non posso fare altro che consigliarvelo perché ne sono rimasta veramente entusiasta!

Per quanto riguarda l’editing io farei un’altra revisione. Non ci sono errori gravi o strafalcioni inguardabili e illeggibili, ma semplicemente dei refusi che andrei a sistemare.

La democrazia è molto impegnativa da praticare. Costa molta più fatica l’averne cura, il seminarla, coltivarla e innaffiarla quotidianamente, che conquistarla. E proprio questo è il suo grande difetto di fabbricazione: una volta conseguita si dà per scontata.

amenamenamenamen

Link Amazon: https://amzn.to/2XKCD09

Ti piacciono i miei contenuti? Sostienimi offrendomi un caffè!

Potrebbe interessarti anche:

Qualcosa inventeremo – Simone Rocchi

È tempo di ricominciare – Carmen Korn

Lolita – Vladimir Nabokov

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il link sovrastante oppure attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

Ad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.