La forchetta, la strega e il drago – Christopher Paolini: raccolta di tre racconti che continua, dopo lunghi anni di attesa, la serie iniziata con Eragon.

La forchetta, la strega e il drago

la forchetta, la strega e il dragoTITOLO: La forchetta, la strega e il drago

AUTORE: Christopher Paolini

EDITORE: Rizzoli

PREZZO: € 17.00 cartaceo; € 9.99 e-book

 

RECENSIONE:

Chi, come me, ha letto la saga di Eragon di Christopher Paolini man mano che uscivano, con grande pazienza per i lunghi tempi di lavorazione, non può essere rimasto indifferente alla notizia di una raccolta di racconti che continuasse la serie.

Un libro del genere è vittima di una grande aspettativa da parte dei lettori, che vogliono rileggere storie su quei personaggi, ma in contemporanea vogliono un prodotto di qualità, e non solo fan-service. Una recensione deve quindi tenere conto di tutti questi elementi ed è difficile che sia oggettiva quanto quella di ogni altro libro, ma ci proveremo.

Il primo impatto nella lettura de La forchetta, la strega e l’armadio è stato ottimo: i personaggi erano come mi ricordavo, il rapporto tra Eragon e Saphira, che tanto avevo amato, è fedele agli altri libri, così come anche gli atteggiamenti delle varie razze, l’uso dell’Antica lingua e della magia. L’impressione, ed è stato un sollievo, è che non siano passati tutti questi anni, ma solo pochi mesi.

La raccolta è composta da tre racconti, ambientati in momenti diversi e con diversi personaggi, inseriti in una cornice che ci offre uno scorcio della vita di Eragon dopo la fine di Inheritance. Vediamo così come si è realizzata l’idea di Eragon di una scuola di magia e abbiamo qualche notizia sul resto del mondo.

“Ripristinare la razza di draghi, guidare i Cavalieri e proteggere gli Eldunarì erano tutte responsabilità che Eragon aveva voluto, accettato e preso sul serio. Eppure non si sarebbe mai aspettato di dover dedicare tanto tempo della sua vita alle scartoffie.

I racconti, invece, si differenziano molto negli argomenti: la storia di un uomo alla ricerca di informazioni; il passato di Angela tramite le sue stesse parole (scritte in parte dalla sorella di Paolini, a cui lui si è ispirato direttamente per la creazione di questo personaggio); il racconto di un’eroina urgali (il popolo caratterizzato dalle grandi corna).

Lo stile è molto semplice, fluido e chiaro, a volte però troppo riassuntivo. L’introspezione dei personaggi è buona, quello che viene penalizzato sono gli eventi, che talvolta vengono raccontati con velocità, lasciando ancora affamata la curiosità del lettore. Paolini ci dice in poche pagine moltissime cose, cose che altri libri ci avrebbero detto in centinaia di fogli; quindi da un lato appaga il lettore, ma allo stesso tempo dà anche la sensazione che l’autore abbia sprecato la possibilità di scrivere un bel libro e abbia preferito farne uno breve e riassuntivo.

Nei ringraziamenti Paolini spiega che questo libro è nato quasi per caso e velocemente, unendo alcune idee che gli erano venute nell’ultimo periodo. E proprio aver saputo questa cosa conferma il mio pensiero: forse sarebbe stato meglio se avesse aspettato un po’ di più per approfondire maggiormente alcune parti.

“Adesso però capiva l’importanza dell’accettazione. E anche se non lo rendeva felice, almeno lo faceva sentire in pace, e quello non era regalo da poco. La felicità, si disse, era una cosa fuggevole, effimera, che non valeva la pena inseguire. Per contro, la serenità era un obiettivo molto più meritevole.”

Mi ha delusa? Un po’, ma consideriamo anche che avevo aspettative altissime.

Mi ha dato quello che volevo? No, ma in parte è meglio così, perché quello che avrei voluto poteva troppo facilmente scadere nel banale e nel nostalgico. Ho storto il naso appena è iniziata la storia della giovane urgali, ma poi mi sono ritrovata a fare il tifo per lei, ad emozionarmi. E ho terminato la lettura con una grande voglia di rileggere l’intera saga.

La forchetta, la strega e il drago è un libro diverso da quello che mi aspettavo, ma mi ha coinvolta nonostante non mi abbia dato quello che volevo, e forse questo è il complimento migliore che si possa fare ad un libro su cui avevo così tante aspettative.

la forchetta la strega e il dragola forchetta la strega e il dragola forchetta la strega e il drago

Link Amazon cartaceo: https://amzn.to/2JGzv11

Link Amazon e-book: https://amzn.to/2HnkKh2

Potrebbe interessarti anche:

Norwegian Wood – Haruki Murakami

Perfetta ma non per lui – Gina Laddaga

Il Cavaliere dei Sette Regni – George R.R. Martin

A presto lettori,

Fabiana

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il link sovrastante oppure attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

erigibbi

©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.