La La Land RECENSIONE FILM: un musical in cui sogno e realtà si scontrano continuamente, tra musica jazz e provini di recitazione.

La La Land

I protagonisti di La La Land sono Sebastian e Mia. Sebastian è un musicista jazz che suona canzoni che non lo appassionano per racimolare qualche soldo e che ha il sogno di aprire un locale proprio, un bar dove la musica apparterrà al mondo jazz più tradizionale; Mia invece lavora in un caffè degli Universal Studios sognando di fare l’attrice e per questo continua a fare provini su provini, nella speranza che qualcuno la noti.

Sogno e realtà in La La Land sono in continuo scontro. I due continuano a lottare per la vita che desiderano, non senza difficoltà, non senza ripensamenti.

I sogni però sono sempre lì, dov’è giusto che siano, e sembrano prendere il sopravvento nel momento in cui La La Land assume le caratteristiche del musical. Nel momento in cui Ryan Gosling ed Emma Stone uniscono le loro voci e i loro passi di danza, i sogni sembrano vincere contro la grigia vita, facendo crescere la speranza anche nello spettatore.

Ed è proprio quando i due attori cantano e ballano assieme che le canzoni, le parole e le musiche assumono un significato maggiore e una bellezza più ampia. O almeno, io ho preferito le parti in cui hanno duettato, in particolare ho amato City of stars e Sound of Mia and Sebastian.

Non amo i musical, pochi mi sono entrati nel cuore e la parte che più mi spaventa è proprio quella cantata. Devo dire però che La La Land non eccede in questo, le canzoni non sono le protagoniste del film come invece mi aspettavo e per quanto mi riguarda non posso che esserne felice.

Emma Stone e Ryan Gosling sono stati incantevoli. Ho preferito lei, ma probabilmente perché ha avuto molto più spazio all’interno della storia, come se Gosling/Sebastian fosse solo un supporto e un contorno. Nonostante questo, ancora mi ricordo la scena in cui per la prima volta i due hanno litigato. Spettacolare!

La La Land mi ha poi stupito anche nell’evoluzione della vicenda e nel conseguente finale. Vi aspettate il “vissero felici e contenti”? Be’ toglietevelo dalla testa. Quanto mi sono arrabbiata, quanto ho pianto per questa scelta. In primis perché non la condivido; perché ci sarà sempre un modo per stare assieme alla persona che ami, ci saranno sempre dei compromessi possibili, dei sacrifici da poter fare. E in secondo luogo perché, diciamolo, sarò anche allergica agli zuccheri, ma un lieto fine non lo negherei mai a nessuno.

Ma da un lato forse è meglio così, almeno posso dire che mi ha stupita, che non ha un finale banale che tutti si sarebbero aspettati e anche se è un finale che può non piacere, almeno è qualcosa di diverso.

Ottime le scenografie, ottime le musiche e i testi, ottimi i due attori protagonisti e se ve lo dice una che non apprezza particolarmente i musical, potete andare sul sicuro! Guardate La La Land, non è male!

la la landla la landla la landla la land

Leggi altre Recensioni Film e Serie TV

A presto cinefili,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

One Reply to “La La Land RECENSIONE FILM”

  1. Le candidature includono miglior film, miglior regista, miglior attore (Ryan Gosling), miglior attrice (Emma Stone), migliore sceneggiatura originale, migliore colonna sonora, due candidature nella categoria migliore canzone originale e altre ai premi tecnici. Ai Golden Globe 2017 il film ha vinto sette premi su sette candidature, stabilendo il primato di film che ha vinto piu premi nella storia dei Golden Globe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.