Le notti di Salem – Stephen King: una storia da brividi con riferimenti all’opera di Stoker, Dracula, e a quella di Shirley Jackson, L’incubo di Hill House.

Le notti di Salem

le notti di salemTITOLO: Le notti di Salem

AUTORE: Stephen King

EDITORE: Sperling & Kupfer

PREZZO: € 12.90 cartaceo; € 8.99 e-book

 

RECENSIONE:

Quasi tutti sanno che Le notti di Salem di Stephen King è una sorta di rivisitazione del famoso libro di Bram Stoker: Dracula. Forse rivisitazione non è il termine più appropriato, in primis perché Stephen King non ha la presunzione di rivisitare un’opera di questo calibro, in secondo luogo perché sì, i riferimenti sono chiari ed evidenti, spesso espliciti, ma King ha semplicemente tratto spunto da una storia che ha amato da bambino (l’autore ha infatti letto per la prima volta Dracula attorno ai 9-10 anni, e quindi si capisce bene che ne è stato traumatizzato per scrivere libri che te la fanno fare addosso) e ancora di più da adulto.

Ne Le notti di Salem la storia inizia con Ben, scrittore, che decide di tornare nel luogo dove ha abitato da bambino, Jerusalem’s Lot o ‘Salem’s Lot, per esorcizzare un’esperienza che lo ha sconvolto e terrorizzato, avvenuta a casa Marsten, un edificio tenebroso, abbandonato dopo un terribile omicidio-suicidio.

In realtà in questo libro Stephen King non fa riferimenti solo all’opera di Bram Stoker, ma anche a un libro scritto da una donna, fonte di grande ispirazione per King: Shirley Jackson; e il libro in questione è L’incubo di Hill House (in questa edizione, nonostante sia nuova, il titolo del libro della Jackson è La casa degli invasati; io l’ho letto e ho capito subito il riferimento, ma credo che sarebbe meglio usare il titolo corrente).

I rimandi a entrambe le opere sono qualcosa di incredibile, non solo perché trovo affascinante leggere un libro che fa riferimento ad altri libri, ma anche perché credo sia difficile creare una storia facendo riferimento ad altre opere senza cadere nel ridicolo o nella scopiazzatura. Stephen King, con il suo secondo libro pubblicato, c’è riuscito, e c’è riuscito alla grande.

King ha creato una storia da brividi e non è un caso se il suo editore all’epoca gli disse che con questo libro la gente lo avrebbe considerato uno che scrive horror. Le notti di Salem mette un grado di angoscia piuttosto elevato, che di sicuro altri libri non mi hanno mai fatto provare. Mi ha suggestionato così tanto che qualsiasi rumore mi faceva saltare sul posto o accelerare i battiti del cuore, guardare fuori dalla finestra e vedere tutto buio mi agitava, starmene da sola in una stanza, pur sapendo che in un’altra stanza si trovava il mio compagno, non mi faceva stare tranquilla, proprio per niente.

Pensare che Le notti di Salem è il suo secondo libro è incredibile; rispetto a Carrie, che già era un’ottima opera, c’è un salto di qualità pazzesco a mio avviso e forse si nota il vero King, quello che ama perdersi nelle descrizioni degli ambienti, quello che “scrive in un certo modo”. Non fraintendetemi, non ci si annoia con questo libro, nonostante le descrizioni, nonostante lui si perda un po’, il fiato rimane sospeso non appena si entra nel vivo della storia.

Quando la vicenda de Le notti di Salem termina se ne apre una nuova, intitolata Jerusalem’s Lot. Questa breve storia è il precursore de Le notti di Salem, il vero inizio o l’inizio della fine. Questa parte è stata scritta in modo epistolare e ancora di più si notano i riferimenti al romanzo di Bram Stoker, però io, nonostante sia una parentesi interessante e che a un certo punto tiene incollato il lettore alle pagine, non l’avrei messa alla fine ma all’inizio, per non accantonare subito la storia de Le notti di Salem. Il libro andrebbe chiuso con la storia principale, non con questa, perché così, nel momento in cui lo chiudi, il terrore e l’angoscia ti resteranno appiccicati addosso ancora per molto, molto tempo.

Questa edizione (non so se tutte le edizioni di questo libro siano così costruite) racchiude al suo interno anche delle illustrazioni in bianco e nero che spesso trasmettono altrettanta angoscia, e alla fine ci sono delle parti eliminate. Devo dire che sono d’accordo con la maggior parte di queste eliminazioni, King si è esageratamente perso per strada o i dialoghi erano troppo dispersivi, ma c’è una scena in particolare che non andava modificata. La scena eliminata è spaventosa, veramente spaventosa e orribile. Talmente spaventosa che ho fatto fatica a leggerla. Talmente orribile che ho rischiato di avere i conati. Questa scena andava tenuta, andava assolutamente tenuta e non cambiata.

Se cercate un libro che vi trasmetta emozioni forti, se siete alla ricerca del brivido, Le notti di Salem è perfetto. Se siete facilmente suggestionabili ecco, meglio evitare. Se siete coraggiosi e non avete paura di nulla, be’, non leggetelo quando siete in casa da soli, e tantomeno di sera, quando fuori calano le tenebre, quando la notte si fa silenziosa, tranne che per rumori sinistri, quando le ombre si alzeranno minacciose e voi non avete modo di evitarle; anche i più coraggiosi se la faranno addosso.

le notti di salemle notti di salemle notti di salemle notti di salemle notti di salem

Link Amazon cartaceo: https://amzn.to/2NkKBbY

Link Amazon e-book: https://amzn.to/2XhsgRD

Leggi anche altre Recensioni libri

Voi lo avete letto? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il link sovrastante oppure attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.