Carrie – Stephen King: da vittima a carnefice; la storia di Carrie White, primo libro di Stephen King, cattura il lettore dalla prima all’ultima pagina.

Carrie

carrieTITOLO: Carrie

AUTORE: Stephen King

EDITORE: Bompiani

PREZZO: € 12.00 cartaceo; € 6.99 e-book

 

RECENSIONE:

Carrie è una ragazza adolescente bullizzata dai compagni di scuola; però non è una ragazza qualsiasi: ha infatti la capacità di spostare gli oggetti con la mente. Capacità, dono o maledizione, che nei primi tempi si manifesta casualmente, quando è sotto pressione, è arrabbiata o si sente in pericolo, mentre poi diventa un’abilità che riesce ad esercitare, che la stanca fisicamente, ma che riesce a controllare con sempre maggiore facilità.

Era una ragazza tozza, con foruncoletti sul collo, sulla schiena e sui glutei. I capelli bagnati, senza colore, le si appiccicavano pesantemente alla faccia, e le se ne stava lì, la testa un po’ piegata in avanti, lasciando che l’acqua le rotolasse via dalla pelle. Sembrava, ed era, l’agnello sacrificale, il bersaglio perpetuo, vittima indifesa di ogni sorta di tiri mancini, di tranelli e scherzi spietati.

Da grande fan di Stephen King ancora non avevo letto Carrie, il primo volume pubblicato dall’autore. Fin dalle prime pagine ho pensato: “Wow, questo è il primo libro di King, ed è esattamente uguale agli altri, a quelli che sono venuti dopo”.

Con uguale intendo dire che questo libro non sembra affatto l’opera prima di uno scrittore emergente, ma così è. Eppure lo stile di King, e avendo già letto una quindicina di suoi libri lo posso affermare con sicurezza, è inconfondibile. Questo significa che fin dal primo libro lui aveva una sua identità di scrittore e certo, forse è migliorato (anche se io, in tutta onestà, non ho riscontrato una pecca in questo libro), ma il suo modo di scrivere è rimasto uguale, e lo ha trasmesso in ogni suo libro e… wow. Cos’altro puoi dire se non ‘wow’?

Ma veniamo al libro, alla storia narrata.

Moltissimi di noi si potrebbero rivedere in Carrie. Chi non è stato preso in giro? Chi non è stato bullizzato? Be’ se siete tra questi siete stati fortunati. Gli altri studenti presenti in questo libro sono cattiveria pura, sono ideatori di gesti e attuano comportamenti assolutamente impensabili. Soffrivo per Carrie, stavo male per lei, perché nessuno si merita di essere vessato in quel modo, nessuno.

E come se questo per Carrie non fosse abbastanza, si è ritrovata per madre una donna malata, una fanatica religiosa, un essere orribile, bigotto e cattivo che non ha fatto altro che maltrattare la figlia, nel corpo, nello spirito e pure nell’educazione personale e sociale.

Ma la cosa sorprendente di Carrie è che in questo libro non è solo capro espiatorio: Carrie è sia vittima sia carnefice. È donna matura e bambina. Carrie è un personaggio complicato, che sembra facile da amare e da capire, ma che può stravolgere i tuoi pensieri, può controllarli, e poi gettarli come carta straccia.

E poi c’è Stephen King, uno scrittore che fin dalle prime pagine ti fa capire che questa storia non ha un lieto fine eppure questa presa di coscienza non rovina la curiosità del lettore, anzi, forse proprio perché sai che le cose andranno male tu dalle pagine non riesci a staccarti, come se Carrie si fosse impadronita te, della tua mente ed esercita una forza tale per cui non puoi chiudere il libro finché non arrivi all’ultima pagina, e sconvolta vai a consigliarlo a chiunque, affinché la storia di Carrie White continui ad esistere, anche senza di lei.

carriecarriecarriecarrie

Link Amazon cartaceo: https://amzn.to/2DZYuKX

Link Amazon e-book: https://amzn.to/2Aovfgr

Leggi anche altre Recensioni libri

Voi lo avete letto? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il link sovrastante oppure attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

4 Replies to “Carrie – Stephen King RECENSIONE

  1. Beh, io l’ho appena acquistato dopo aver sentito varie recensioni che lo consigliavano come primo libro per approcciarsi a King.. inutile nasconderti che non vedo l’ora che mi arrivi!

  2. Non ho mai amato particolarmente King, ma “Carrie” mi ha senza dubbio stregato e concordo appieno su tutto quanto hai scritto. Ne avevo parlato pure io sul mio blog! Ottima la scelta dell’edizione Bompiani 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.