Il morbo del terrore – Valerio Finizio: una storia romanzata basata su leggende, ma anche fatti storici realmente accaduti a Poveglia, isola veneziana.

Il morbo del terrore

il morbo del terroreTITOLO: Il morbo del terrore

AUTORE: Valerio Finizio

EDITORE: Nulla Die

PREZZO: € 18.00 cartaceo

 

RECENSIONE:

Il morbo del terrore è ambientato a Poveglia, un’isola veneziana. Rodrigo Leone è il proprietario di una catena di ristoranti che ne vuole aprire uno nuovo proprio in quel luogo. Non ci sarebbe nulla di strano in questo se non fosse che Poveglia è considerato un luogo infestato da cui tutti stanno alla larga.

Rodrigo, assieme alla sorella Rossella, alla fidanzata Elena, influencer con milioni di follower su Instagram, uno youtuber olandese acchiappa fantasmi piuttosto famoso, all’amico d’infanzia Oscar, noto blogger, e a Virgilio, geologo, parte per Poveglia per sfatare le leggende che fanno di lei un’isola infestata.

Il racconto oscilla tra i giorni nostri, per la precisione nel 2017, e il passato, nel 1940, in quest’ultimo caso il viaggio a ritroso nel tempo è reso possibile da una serie di audio cassette che i ragazzi trovano nel manicomio abbandonato di Poveglia, registrate dal dottor Sarles, la moglie e un prete.

Le audio cassette portano alla luce fatti tetri e orribili, ma non è solo questo a spaventare i ragazzi perché a quanto sembra Poveglia è veramente infestata, o almeno così sembra.

Valerio Finizio è stato molto bravo a creare una storia romanzata basata su leggende e/o fatti storici realmente accaduti e a farla sembrare vera fino alla fine. Una volta terminato il libro infatti, mi sono messa alla ricerca di alcune notizie su Poveglia ed effettivamente, per dirvene una, il dottor Sarles è realmente esistito.

Il morbo del terrore è una lettura perfetta per questo periodo dell’anno se amate le letture a tema. L’autunno, probabilmente grazie ad Halloween, fa sì che molti lettori vadano alla ricerca di letture creepy e angoscianti e sicuramente questo libro presenta queste caratteristiche.

Tutti i personaggi sono ben caratterizzati, hanno una loro storia, un loro passato che va ad influenzare i loro atteggiamenti e i loro pensieri correnti. Quelli meno approfonditi sono Elena e lo youtuber acchiappa fantasmi, ma ci sta, considerando come si evolve la vicenda.

Non mi sono affezionata a nessuno di loro in particolare, ma sicuramente tifavo per la loro riuscita e sopravvivenza in questa avventura horror.

La descrizione dell’ambiente è ben fatta, con la sua scrittura l’autore riesce a trasmettere molto bene le sensazioni e le emozioni che gli stessi personaggi provano così anche il lettore si ritrova a spaventarsi quando loro si spaventano o ad essere terrorizzato e angosciato per quello che loro stanno vivendo.

Ho apprezzato molto il cambio di narrazione nel tempo e in particolare mi sono piaciute le parti dove i ragazzi ascoltavano le audio cassette del dottor Sarles perché fanno sì che il lettore cerchi di capire qualcosa, cerchi di ricavarne qualcosa di utile per farsi un’idea di quello che sta accadendo nell’isola. Ovviamente senza riuscirci.

E sicuramente il fatto che al termine della lettura sia andata ad informarmi sul web riguardo Poveglia, se è veramente luogo di leggende e fatti macabri, significa che Valerio Finizio ha fatto un buon lavoro: è riuscito ad incuriosire il lettore, lo sprona a saperne di più, e quando un libro di narrativa ha questo potere è sempre un buon pregio.

il morbo del terroreil morbo del terroreil morbo del terroreil morbo del terrore

Link Amazon: https://amzn.to/2EsfyKv

Voi lo avete letto? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il link sovrastante oppure attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

#ad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.