Quella piccola libreria in fondo alla strada – Camilla D’Amore: un romanzo in cui l’amore può essere trovato attraverso un diario, la musica o un libro.

 Quella piccola libreria in fondo alla strada

quella piccola libreria in fondo alla stradaTITOLO: Quella piccola libreria in fondo alla strada

AUTORE: Camilla D’Amore

EDITORE: Newton Compton

PREZZO: € 8.41 cartaceo; € 0.99 e-book

 

RECENSIONE:

Elise vive a Mills, un piccolo paesino dove lavora in una libreria come commessa anche se sogna di aprirne una tutta sua. Nella casa accanto alla loro si è trasferito da poco Sefron, un musicista famoso, che per via di una distonia non riesce più a suonare, e infatti è andato a vivere a Mills con lo scopo di farsi curare nella clinica per musicisti lì presente. Inutile dire che tra i due sboccerà una storia d’amore.

L’inizio di Quella piccola libreria in fondo alla strada mi aveva entusiasmata molto, ma andando avanti con la lettura questo entusiasmo è scemato. Ho trovato il libro molto ripetitivo, come se l’autrice volesse “allungare il brodo”.

La storia d’amore tra Elise e Sefron mi è sembrata molto superficiale e a tratti irrealistica, in alcuni punti rispecchiava la realtà, sicuramente è possibile trovare l’amore nel proprio vicino di casa, ma quante probabilità ci sono che questo ragazzo sia il nipote di un lontano amore di tua nonna?

Non nego che la lettura del romanzo mi sia risultata spesso noiosa, tanto che a volte mi trovavo a voler saltare le pagine o a sperare che quel capitolo finisse presto.

Non mi è piaciuta nemmeno la scelta dell’autrice di far guarire la distonia di Sefron con il tocco di Elise. Si tratta di un disturbo del movimento che richiede una certa tipologia di cura, a volte anche farmacologica, quindi mi è sembrato di cattivo gusto far guarire in questo modo il protagonista maschile.

Un aspetto che invece sono riuscita ad apprezzare molto è dato dalle descrizioni dei paesaggi e della libreria; libreria che tuttavia fa da sfondo al romanzo e che non è la vera protagonista della vicenda, cosa che invece un lettore si può aspettare se si sofferma sul titolo scelto.

In conclusione Quella piccola libreria in fondo alla strada è una lettura che purtroppo non mi sento di consigliarvi.

Tredici 2Tredici 2

Leggi anche altre Recensioni libri

Voi lo avete letto? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!

A presto lettori,

Micaela

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il link sovrastante oppure attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

erigibbi

©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.