The sinner – Petra Hammesfahr: un thriller psicologico originale e ben costruito in cui predomina la follia del fanatismo religioso.

The sinner

the sinnerTITOLO: The sinner

AUTORE: Petra Hammesfahr

EDITORE: Giunti

PREZZO: € 19.00 cartaceo; € 6.99 e-book

 

RECENSIONE:

Durante una tranquilla gita al lago, assieme al marito Gereon e il figlioletto, Cora, in preda a un raptus e senza un apparente motivo, accoltella l’uomo seduto di fronte a loro. L’uomo pare colpevole di aver amoreggiato con la moglie ascolto con un volume troppo alto una canzone che Cora, non si sa bene il perché, da qualche mese sente martellare nella sua testa: quella canzone sembra proprio l’elemento scatenante della follia omicida di Cora.

Il commissario Grovian, dopo le prime domande, scopre che l’omicidio non ha un movente. Cora continua a ripetere che non sa perché abbia ucciso quell’uomo, ma sa che doveva farlo. Il primo interrogatorio non porta a grandi scoperte perché Cora non fa altro che colpevolizzarsi senza difendersi per potersene stare tranquilla e non pensare più a niente; mentre le domande pressanti di Grovian la spingono a mentire, emerge pian piano, tra le tante bugie, una qualche verità. La più sconcertante di queste è relativa alla sua infanzia trascorsa sotto la pressante morsa del fanatismo religioso più estremo da parte della madre.

The sinner è un thriller psicologico originale e ben costruito. La vita di Cora è terribilmente segnata dal fanatismo religioso della madre che l’ha cresciuta accusandola di aver esaurito tutte le energie dal suo grembo materno lasciando il nulla alla secondogenita Magdalena, nata gravemente malata di cuore: Cora già dai suoi primi anni di vita verrà colpevolizzata dalla madre per la malattia della sorella. Da qui prende forma una profonda tristezza: una bambina costretta a privarsi di tutto per poter espiare la propria colpa; una bambina in balia della follia della madre che la porterà a odiare la vita e anche la sorella.

«La angosciavano soprattutto le sensazioni che aveva provato uccidendo. Una persona normale ne sarebbe scioccata, si sarebbe disperata, tormentata dai sensi di colpa. Lei invece si era sentita bene. Non era una reazione normale.»

Ho trovato soprattutto la prima parte del romanzo molto coinvolgente, ma di per sé tutto il romanzo è riuscito a tenermi incollata alle pagine; semplicemente, a mio parere, la prima metà è la più interessante.

Tra presente e passato, grazie ai momenti di delirio della protagonista, scopriamo le verità nascoste inerenti la sua vita passata e come essa ha influenzato il suo presente. C’è da dire che durante i vari interrogatori di Cora, per lo più deliranti e infarciti di bugie, solo a sprazzi si viene a conoscenza di qualche verità, ma il lettore non sa mai quale sia la realtà e quale la menzogna. Questo porta il lettore, a lungo andare, ad uno stato confusionale quasi assimilabile a quello di Cora.

In sostanza, la prima metà del libro mi ha davvero rapita e intrigata, poi però il fatto di non sapere mai quali informazioni prendere per buone e quali no, mi ha stancata (anche perché parliamo di un libro di 447 pagine), nonostante la narrazione abbia sempre tenuto un ritmo molto incalzante e quindi non ho mai faticato nel proseguire nella lettura.

La parte che mi ha maggiormente delusa è stato il finale che, visti i presupposti iniziali, mi ha lasciata un po’ perplessa, perlomeno mi aspettavo qualcosa di più sconvolgente. Non so se è perché a grandi linee ero arrivata, nonostante le informazioni confusionarie, a capire come potesse finire, ma fatto sta che il motivo scatenante della follia di Cora mi è sembrato un po’ troppo scontato.

The sinner è sicuramente un thriller non adatto a tutti per i temi molto forti e le situazioni sempre al limite; la tristezza e l’odio per la vita permane dall’inizio alla fine e questo, secondo me, non a tutti può risultare piacevole da leggere.

Io in definitiva mi sento di consigliarlo a chi, amante del genere ovviamente, vuole leggere qualcosa di originale e forte nei contenuti.

«Ma il destino non lo si può ingannare come si fa con una madre che non ci sta con la testa. Prima o poi, quando uno non ci pensa più, ti presenta il conto.»

Tredici 2Tredici 2Tredici 2

Link Amazon: https://amzn.to/2KZfsbs

Leggi anche altre Recensioni libri

Voi lo avete letto? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!

A presto lettori,

Federica

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il link sovrastante oppure attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

erigibbi

©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.