Ti ho trovato fra le stelle – Francesca Zappia: ansia sociale, sogni realizzabili, vita offline e online. Un libro per ragazzi e non solo.

Ti ho trovato fra le stelle

ti ho trovato fra le stelleTITOLO: Ti ho trovato fra le stelle

AUTORE: Francesca Zappia

EDITORE: Giunti

PREZZO: € 12.00 cartaceo; € 6.99 e-book

 

RECENSIONE:

Nel mondo reale, Eliza Mirk è una ragazza timida, poco socievole e solitaria. Online, è Lady Constellation, autrice anonima di Mare di Mostri, un webcomics adorato da milioni di followers in tutto il mondo.

Quel computer è la mia tana del Bianconiglio, internet è il mio paese delle meraviglie.

La regola è caderci dentro solo quando posso permettermi di lasciarmi risucchiare.

Eliza non si sente mai sola, la sua comunità digitale la fa sentire amata e parte di qualcosa di importante.

Poi a scuola conosce Wallace, un ragazzo che non parla con nessuno ma decide di aprirsi proprio con lei, ed Eliza comprende che anche la vita offline vale la pena di essere vissuta.

Quando accidentalmente la sua identità segreta di Lady Constellation viene svelata al mondo, tutte le sue certezze e i suoi punti fermi – online e offline – vanno in frantumi.

Quando mi è stato proposto di leggere questo libro non avrei mai pensato che potesse piacermi. Invece non solo mi è piaciuto, l’ho adorato.

Ti ho trovato fra le stelle forse vi sarà maggiormente noto con il titolo originale Eliza and her monsters visto che negli Stati Uniti questo libro ha riscontrato moltissimo successo e approvazione dal pubblico.

Descrivono quella sensazione di trovarsi nel posto sbagliato a combattere forze impossibili da fermare, e ci dicono che il mondo è pieno di mostri, ma di solito quelli peggiori li abbiamo dentro di noi. Mi piace questo genere di storie perché non sono mai scontate. Hanno molto più da offrirti, rispetto a ciò che possono insegnarti.

Eliza è un’adolescente di 18 anni che ha paura di relazionarsi con gli altri tanto che fa di tutto per passare inosservata. Nonostante la sua abilità nel mimetizzarsi tra la folla, a scuola viene presa in giro, ignorata e additata come la stramba. Eliza prova una fortissima ansia quando è circondata da tante persone, suda moltissimo, si impietrisce e si infastidisce se qualcuno la tocca o se non ha vie di fuga. E lei ne soffre. Eliza non si comporta in questo modo volontariamente; è una cosa che non riesce a controllare e si rende conto di quanto questo le sia da impedimento per la sua vita. Le piacerebbe essere come tutti gli altri ma proprio non ce la fa.

Eliza sembra una ragazza come tante ma così non è. A soli 18 anni è seguita da milioni di persone per il suo fumetto fantasy Mare di Mostri. La sua capacità più grande è il disegno e preferisce passare ore e ore, se non intere giornate, a disegnare. Mare di Mostri non è per lei solo la sua passione più grande ma è anche un lavoro. Con Mare di Mostri riuscirà tranquillamente a pagarsi le rette all’Università, senza bisogno di chiedere soldi ai suoi genitori. Però nessuno sa niente di tutto ciò. Nessuno se non due suoi amici che la aiutano con la gestione del sito e del merchandise.

Wallace è un ragazzo taciturno o meglio, un ragazzo che non parla proprio, non a scuola almeno. Anche lui viene considerato strano, a volte addirittura stupido, perché oltre a non parlare si muove con estrema lentezza. Lui ha la passione per la scrittura tanto che sta riportando su carta il fumetto di Eliza e vorrebbe che proprio questo, scrivere, diventasse il suo lavoro. I due, con la passione in comune per Mare di Mostri, cominceranno a parlarsi, a pranzare insieme a scuola, a frequentarsi, insomma, diventeranno amici.

Ti ho trovato fra le stelle potrà sembrare a primo acchito il solito romanzetto per ragazzi ma in realtà è molto molto più profondo di quanto possa sembrare ad una prima occhiata superficiale.

Le cose che ami di più sono quelle che lasciano il vuoto più grande.

Francesca Zappia è molto brava a descrivere l’ansia che prova Eliza quasi costantemente. Anche Mare di Mostri, nonostante sia la sua più grande passione, diventa ad un certo punto una fonte di stress e di ansia perché la ragazza si sente in obbligo di soddisfare sempre le aspettative dei suoi fans: le pagine devono essere perfette per linee e per colori; l’uscita delle pagine deve essere un tot a settimana, non una di meno non una di più; tutto deve essere sempre perfetto altrimenti Eliza non solo si sentirà in colpa nei confronti dei suoi fans ma si sentirà un fallimento non rendendosi conto che il suo essere apprezzata e amata non dipende da questo.

Il tuo valore come persona non dipende da ciò che riesci a creare né da quello che le altre persone pensano in proposito.

Oltre all’ansia sociale (e alla depressione) l’autrice punta molto sulla differenza tra vita online e offline e lo fa molto bene. Spesso c’è l’idea che gli amici conosciuti in rete non siano veri amici, si crede che non ci possa essere un rapporto reale con loro solo perché c’è uno schermo divide. Non è sempre così. Le persone che stanno dietro ad uno schermo sono reali, hanno un volto e dei sentimenti. Eliza conta su di loro e sa che ha degli amici con cui può sfogarsi. I genitori di lei, nati e cresciuti in un’altra epoca, non la vedono in questo modo.

Di amici ne ho. Magari vivono a centinaia di chilometri da me, e magari posso parlarci solo attraverso uno schermo, ma restano comunque miei amici. Non tengono in piedi solo Mare di Mostri, tengono in piedi anche me.

Un altro aspetto che mi è piaciuto molto riguarda il fare ciò che ci piace fare. Lo so, è piuttosto scontato e non è semplice come invece appare nei libri ma negli ultimi anni questo pensiero mi sta facendo male. Ho dei sogni che probabilmente non posso seguire e dei sogni che i miei genitori e molti altri non capirebbero. Non voglio fare quello che i miei genitori vorrebbero che io facessi. Per molti anni ho seguito strade che non volevo seguire e sto soffrendo per questo, ancora adesso. Eliza e Wallace sono state fonti di ispirazione, la loro forza di volontà è stata fonte di ispirazione e credo possa esserlo per moltissimi altri ragazzi che potrebbero leggere questo libro.

«Che senso ha vivere se non puoi fare ciò che ti piace? A che ti serve un lavoro che ti dà soldi se poi arrivi a detestarti ogni giorno per quello che fai? […]»

Ti ho trovato fra le stelle è inoltre un libro molto curato nell’editing e nella grafica. Al suo interno, oltre alla parte romanzata, troviamo parti di chat e soprattutto alcuni disegni (fatti proprio dall’autrice Francesca Zappia) che vogliono rappresentare i protagonisti e alcuni passaggi di Mare di Mostri: disegni veramente belli e ben fatti. Questo dà un ulteriore tocco in più a questo libro.

Ti ho trovato fra le stelle è un libro rivolto soprattutto ai ragazzi, agli adolescenti, ma anch’io, alla soglia dei 27 anni, l’ho apprezzato moltissimo e non posso fare altro che consigliarvelo.

ti ho trovato fra le stelleti ho trovato fra le stelleti ho trovato fra le stelleti ho trovato fra le stelle

Link Amazon: http://amzn.to/2FN6RdN

Leggi anche altre Recensioni libri

Voi lo avete letto? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il link sovrastante oppure attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.