WRAP UP Letture del mese Febbraio 2018: ritorna l’appuntamento con la rubrica in cui potete leggere un riassunto di tutte le letture uscite questo mese.

WRAP UP Letture del mese Febbraio 2018

La bambina della luna e delle stelle – Kelly Barnhill (DeAgostini): è un libro che vi posso consigliare se, come me, siete dei bambini cresciuti e nonostante questo leggete ancora libri per ragazzi. Se avete un bambino di 10 anni, poco più giovane o poco più grande, non saprei proprio se consigliarvi o meno questo libro perché da un lato lo stile troppo semplice rischia di annoiare un bambino più grande mentre dall’altro la descrzione cruda di alcuni fatti rischia di non essere piacevole per un bambino più piccolo. [recensione completa qui]

La dolcezza può far male – Daniela Volonté (Newton Compton Editori): consigliato a tutte le persone che amano questo genere e in particolare a chi sta affrontando un periodo grigio, un periodo no, un periodo da dimenticare, perché la storia di Gabriele e Cassandra regala la giusta grinta per riprendersi e andare avanti. [recensione completa qui]

La morte e il gatto – Il Triste Mietitore (Imprimatur): un libro ironico, sarcastico e irriverente su molte tipologie di uomini e su alcuni aspetti della vita in generale quindi se cercate una storia del genere, leggera e divertente, questo è un libro che può fare al caso vostro! [recensione completa qui]

L’ultimo treno per Istanbul – Ayse Kulin (Newton Compton Editori): è sicuramente un libro consigliato a chi vuole avere un punto di vista poco conosciuto sulla Seconda Guerra Mondiale. [recensione completa qui]

Tatiana & Alexander – Paullina Simons (BUR Rizzoli): Questo libro insegna, che quando hai qualcuno accanto, pronto ad amarti e proteggerti, puoi combattere contro il mondo e sperare di poter vivere anche un solo attimo di felicità. [recensione completa qui]

Breve storia di (quasi) tutto – Bill Bryson (Tea): sia se siete studiosi del campo scientifico, sia se siete profani in tutto ciò ma comunque curiosi di sapere la storia del mondo in cui viviamo vi consiglio la lettura di Breve storia di (quasi) tutto di Bill Bryson, e centellinare questo libro sarà forse il modo migliore per apprezzarlo appieno. [recensione completa qui]

Gli anagrammi di Varsavia – Richard Zimler (Piemme): un libro che voglio consigliare soprattutto a chi ama i romanzi storici: ho trovato molto curioso e interessante l’accostamento di un romanzo storico e un thriller, un’idea nuova quella di affrontare un tema tanto importante attraverso delle indagini, senza dimenticare che si tratta di una testimonianza vera. [recensione completa qui]

L’anima non si arrende – Marco Conti (autopubblicato): un libro piacevole da leggere; Marco Conti, senza dilungarsi troppo e con uno stile semplice, ha narrato una bella storia, carica di emozioni e sentimenti. Ci ha fatto affezionare al protagonista e tifare per lui nel suo percorso di crescita e formazione e ci ha fatto inesorabilmente tifare per lui ed Emma senza mai cadere nel banale o nella sdolcinatezza. Un libro che vi consiglio! [recensione completa qui]

La voce nel cassetto – Silvia Salemi (Imprimatur): Lo stile utilizzato dall’autrice è molto semplice e scorrevole, il libro è scritto bene, si legge velocemente e, cosa più importante, arriva dritto al cuore quindi non posso fare altro che consigliarvi La voce nel cassetto di Silvia Salemi. [recensione completa qui]

Non ho tempo per amarti – Anna Premoli (Newton Compton Editori): essendo un romanzo dolce e carino mi ha regalato qualche ora spensierata in totale relax, proprio quello che cercavo in un momento un po’ cupo della mia vita e come sempre Anna Premoli è riuscita a farmi sorridere e divertire. [recensione completa qui]

Il piccolo principe – Antoine De Saint-Exupéry (Mondadori): è un inno alla vita, all’amore e alla bellezza e lo dovremmo leggere ogni volta che perdiamo la rotta e ci ritroviamo in un mondo sbagliato. [recensione completa qui]

Il giardino d’estate – Paullina Simons (BUR Rizzoli): un romanzo un po’ amaro ed un po’ dolce ma bellissimo. Le emozioni che il lettore prova sono indescrivibili: l’emozione di vedere padre e figlio combattere spalla a spalla, l’emozione di voler leggere le ultime pagine sempre più lentamente per non dare addio a questa saga, a quest’amore, a tutto il dolore. [recensione completa qui]

Finché amore non ci separi – Anna Premoli (Newton Compton Editori): lo consiglio a chi ama questo genere di romanzi, a chi ama Anna Premoli ma anche a chi non si è mai avvicinato ai romanzi rosa e vuole fare una prova. Secondo me questa autrice è l’ideale per immergersi in questo genere. [recensione completa qui]

La porta ancestrale – Leandro Avolio (autopubblicato): Sicuramente il punto di vista dell’autore è interssante, curioso e molto positivo e non nego che in alcuni punti mi sono commossa. Se volete leggere un punto di vista, che definirei quasi alternativo, sulla morte La porta ancestrale di Leandro Avolio è una lettura che può fare al caso vostro. [recensione completa qui]

Vita di paese – Maria Caterina Basile (Nulla Die): un romanzo che è riuscito a farmi immaginare molto vividamente Damiano e la sua angoscia interiore ma anche la sua crescita personale. Sono quindi riuscita, con sole 70 pagine, ad empatizzare con il protagonista: ho provato le sue stesse pene e la sua stessa sofferenza e inquietudine ma allo stesso tempo ho provato la sua soddisfazione e realizzazione finale, gioendo con lui. Una lettura che vi consiglio! [recensione completa qui]

Non stancarti di andare – Teresa Radice e Stefano Turconi (Bao Publishng): i farà aprire gli occhi di nuovo, vi emozionerà di nuovo di fronte a tante atrocità, vi farà amare ancora una volta il prossimo, non vi farà girare la testa dall’altra parte ma vi farà piangere il cuore. [recensione completa qui]

E poi sarà amore – Stefano Di Polito (Imprimatur): un libro molto bello, una lettera d’amore emozionante e commovente adatta a chi è già padre e madre ma anche a chi ci sta pensando. [recensione completa qui]

Rebel. Il deserto in fiamme – Alwyn Hamilton (Giunti): un libro ben fatto, scritto in modo semplice ma che cattura il lettore, che riesce a dare un’infarinatura dell’ambientazione e dei personaggi ma riesce anche ad entusiasmare per tutte le scene di azione e i colpi di scena (perché sì, voi pensate di aver capito tutto ma non è così!) in esso contenuti. [recensione completa qui]

Il Mesmerista – Andrea Zanotti (autopubblicato): un libro scritto bene, si può far fatica ad ingranare all’inizio ma poi quando si impara a conoscere i personaggi e ci si adatta allo stile dell’autore è assolutamente scorrevole. È stata una storia interessante, piacevole (nonostante accadimenti macabri) e che mi ha tenuta incollata alle pagine fino alla fine. Ve lo consiglio! [recensione completa qui]

Senza movente – Flaminia P. Mancinelli (Newton Compton Editori): un romanzo da cui mi aspettavo di più e che invece mi ha delusa molto e proprio per questo non mi sento di consigliarvelo. [recensione completa qui]

Bene lettori siamo giunti al termine di questo wrap up.

Voi cosa avete letto? Vi sono piaciute le vostre letture? Fatemi sapere!

Vi lascio il link del wrap up di Gennaio qui

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso i link sovrastanti o attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.