IT

L’estate scorsa mi sono cimentata nella lettura di un mattone, un mattone firmato Stephen King. Ok, detta così forse è difficile da capire perché King non è che scriva libri propriamente brevi. Vi aiuto (facciamo finta che non abbiate letto il titolo dell’articolo): Pennywise.

Direi che ora è tutto più chiaro.

Sì insomma, ho letto It. L’ho iniziato e in una settimana l’ho finito. Quest’anno è uscito il film e potevo non andare a vederlo? (In realtà potevo evitarne la visione per svariati motivi, in particolare me ne vengono in mente due: non volevo rischiare di urlare o perdere il controllo delle mie funzioni corporali in un luogo pubblico come il cinema e non volevo rischiare di tornare a casa incazzata per l’ennesimo film che ha rovinato un libro. Riferimento al film sulla Torre Nera puramente casuale).

Le mie paure fortunatamente non si sono avverate, beh a parte qualche urletto.

Sicuramente è stata una fortuna aver letto il libro un anno prima perchè ho potuto dimenticarmi molti dettagli ricordandomi invece solo le cose più importanti. Vi dico questo perché una volta a casa ho controllato la trama del libro ed effettivamente nel film ci sono stati un po’ di cambiamenti che sinceramente non ho capito come ad esempio cambiare le paure dei ragazzini protagonisti. Perché?

Tutto sommato comunque il film è stato abbastanza fedele al libro e trovo che sia stata un’ottima scelta quella di suddividere la vicenda in due parti, in questo modo infatti il primo capitolo di questa duologia è stato più curato, ci si è potuti soffermare di più sui dettagli e approfondire le storie di tutti i bambini.

Devo dire che in termini di paura e terrore pensavo peggio. Secondo me non è stato tanto un film horror ma più un film ansiogeno. It non mi faceva così tanta paura come mi aspettavo anche se ovviamente quando compare all’improvviso un urletto te lo fa scappare. Non ho poi capito perché per spaventare i bambini si autoinduceva una crisi epilettica per ondeggiare tutto, la cosa, sarò sincera, mi faceva ridere (giuro!) e non mi sembra di ricordare che nel libro facesse così. Sembrava assatanato!

In linea generale comunque l’ho trovato un buon film, ripeto, pensavo mi provocasse un po’ più di strizza ma va benissimo così (almeno di notte non ho fatto gli incubi); è stato abbastanza fedele al libro anche se non fedelissimo ma l’ho trovato sopportabile proprio perché non me lo ricordavo nel dettaglio, forse se avessi terminato il libro pochi giorni prima di andare al cinema l’avrei giudicato in modo diverso, non saprei.

Io comunque ve lo consiglio e anche se non siete amanti dell’horror, andate a vederlo, non è così spaventoso come credete.

Vi lascio anche il link dove troverete tutte le recensioni di film e serie tv che ho visto quest’anno: Recensioni Film e Serie Tv

A presto cinefili,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

Rispondi