erigibbi

Storia di chi fugge e di chi resta di Elena Ferrante

August 31, 2017

Storia di chi fugge e di chi resta di Elena Ferrante

 

TITOLO: Storia di chi fugge e di chi resta

AUTORE: Elena Ferrante

EDITORE: Edizioni e/o

PREZZO: € 19.50 cartaceo; € 11.99 e-book

 

RECENSIONE:

Storia di chi fugge e di chi resta è il III volume della saga de L’amica geniale di Elena Ferrante e affronta il tempo di mezzo delle due protagoniste, Elena e Lila.

Elena ha scritto per caso, senza volerlo, un romanzo di successo e si è ritrovata sui giornali, a girare per le librerie rispondendo alle domande di chi il libro lo ha amato, elogiandolo, e di chi il libro lo ha odiato, sminuendolo.

Tanti momenti della nostra esistenza se ene stanno compressi in un angolo aspettando uno sbocco, e alla fine lo sbocco arriva.

Lila nel frattempo dopo tante peripezie, dopo tanti drammi, tante delusioni, sembra aver trovato un po’ di pace e dopo tanta povertà è diventata nuovamente ricca per merito della sua intelligenza.

Storia di chi fugge e di chi resta è però un romanzo molto più politico rispetto ai precedenti: Lila ed Elena sembrano in secondo piano rispetto alla lotta della classe operaia, rispetto alla guerra tra fascisti e comunisti. Questo mi ha un po’ annoiata, sono sincera. Del tutto comprensibile e condivisibile la scelta della Ferrante di parlare di questi temi, di questi fatti realmente accaduti, della storia d’Italia; fatti che comunque hanno investito in maggior o minor misura anche la quotidianità di Elena e Lila. Ad un certo punto però non ne volevo più sapere di morti, di aggressioni, di lotte e di ferite, volevo sapere di più su Elena e Lila, sul loro rapporto, sulla loro vita.

Quando nell’ultima parte del libro l’autrice si concentra nuovamente sulle due amiche ho di nuovo ingranato la marcia e ripreso velocità nella lettura.

Entrambe per me restano delle incognite. Non capisco Lila che a volte sembra contenta per i successi di Elena e altre volte invece la aggredisce, la insulta e mi chiedo perché? Perché Lila non riesce mai ad essere veramente felice per Elena? Perché è così egoista? Si tratta solo di pura e semplice gelosia? O questo suo essere sgarbata è un modo che utilizza per spronare Elena a migliorarsi ogni giorno di più? Le risposte a queste domande variano. In una pagina sono convinta di una motivazione, nella pagina successiva mi smentisco e credo nell’altra motivazione per poi riprendere la ruotazione, in un circolo vizioso senza fine.

Non capisco Elena che a volte sembra felice di quella che è e di quello che ha e subito dopo non sa più chi è, cosa vuole ottenere, cosa vuole essere, cosa vuole diventare.

Diventare. Era un verbo che mi aveva sempre ossessionata, ma me ne accorsi per la prima volta solo in quella circostanza. Io volevo diventare, anche se non avevo mai saputo cosa. Ed ero diventata, questo era certo, ma senza un oggetto, senza una vera passione, senza un’ambizione determinata. Ero voluta diventare qualcosa – ecco il punto – solo perché temevo che Lila diventasse chissà chi e io restassi indietro. Il mio diventare era diventare dentro la sua scia. Dovevo ricominciare a diventare, ma per me, da adulta, fuori di lei.

Prima vuole essere una moglie e una madre devota, scrittrice e giornalista, poi vuole abbandonare tutto e tutti, vuole essere l’amante di Nino, il suo vero amore, certo, ma anche il ragazzo/uomo che non si è mai preso una responsabilità e che ha odiato il padre per quello che è quando lui è uguale a lui.

Fin dalla prima pagina de L’amica geniale le caratteristiche di Elena e Lila, i loro comportamenti, le loro motivazioni, le loro scelte non mi sono mai state chiare, mai. Alla fine del terzo volume mi azzardo a dire che non le capirò nemmeno quando giungerò all’ultima riga dell’ultima pagina dell’ultimo libro ma rimane una saga che va letta, dall’inizio alla fine.

Link Amazon: Storia di chi fugge e di chi resta di Elena Ferrante

Per la recensione de L’amica geniale di Elena Ferrante (I volume) cliccate qui.

Voi lo avete letto? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il link sovrastante oppure attraverso questo link generico: http://amzn.to/2oDpsz8]

2 Comments

  • Tiziana August 31, 2017 at 7:43 am

    CIao, io ho letto solo (per ora) il primo volume e non vedo l’ora di continuare con la saga. Leggendo la tua opinione mi hai fatto venir voglia di andare a prendere il secondo volume che giace nella libreria. Spero di non restarne delusa e di non trovare parti noiose come hai sottolineato in questa bella recensione.

    • erigibbi August 31, 2017 at 8:56 am

      Vedrai che nessuno di questi libri ti deluderà se hai adorato il primo (che resta il mio preferito). Nel terzo ci sono molte più parti inerenti la storia e la politica del tempo che di per sè non sono noiose ma io volevo leggere solo e unicamente di Elena e Lila perché ne ero ossessionata ahahahaha

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *