TITOLO: La croce della vita (Volume I)coeprtina-600x800-1-400x533

AUTORE: Valentina Marcone

EDITORE: Nativi Digitali Edizioni

GENERE: Urban fantasy, paranormal romance

PUBBLICAZIONE: 2015

PREZZO: € 10.00 cartaceo; € 2.98 e-book

PAGINE: 250 p.

Prime righe:

Non mi ero mai sentito così inquieto da quando il mio cuore aveva esalato il suo ultimo battito secoli prima.

Sentivo come una mano premermi dietro il collo e spingermi ad alzarmi dal letto, come se su quel dannato soffitto sopra la mia testa ci fosse un magnete gigante e io fossi l’uomo di latta.

TRAMA:

“La tradizionale famiglia felice con mamma, papà e due figli? Storia vecchia. Molti bambini crescono benissimo con due papà o una mamma single. Io ho avuto un’infanzia splendida e sono crescita con tre uomini, Michele, Gabriel e Raffaele, i Fratelli Sincore, che di angelico hanno solo i nomi. Non mi hanno scelta, né adottata, sono stati praticamente costretti a tenermi con loro e contro ogni aspettativa, invece che mangiarmi, mi hanno amata come una figlia. Esagero? No, sono tre vampiri. Certo, essere la profetica bambina che sigilla la pace tra due razze ha sicuramente aiutato, ma tenermi al sicuro non implicava loro di crescermi e amarmi come invece hanno fatto.

Ah dimenticavo, sono una Furia. – Deva”

RECENSIONE:

Buongiorno lettori e lettrici! Oggi vi parlo di un libro fantasy edito da Nativi Digitali Edizioni che ringrazio per avermi dato l’opportunità di leggerlo! La copertina mi piace molto sia per il simbolo della croce della vita, sia per l’immagine che rappresenta Deva, la protagonista del libro. Il titolo ha la mia approvazione e il mio benestare (mi sento molto parroco della situazione) sia perché è riuscito ad attirare la mia attenzione sia perché è legato alla vicenda di questo primo volume, ma non vi voglio svelare troppo. Un’idea che ultimamente mi sta piacendo molto è leggere una trama che non sia un “semplice” riassunto sommario del libro in terza persona bensì in prima persona! Lo trovo originale! Poi trovarmi scritto, “ah dimenticavo, sono una Furia” come se questa fosse la cosa più normale del mondo, mi ha fatto impazzire! Veniamo al racconto. La storia viene narrata in un primo momento da Michele, il vampiro a cui è stata affidata Deva e colui che ha più capacità oratorie rispetto agi altri due fratelli; poi si ha il point of view di Deva. Se Michele ci sembra sempre composto, Deva è, non solo letteralmente, una furia nel senso più positivo del termine: è impulsiva, è colma di sentimenti ed emozioni, di gioia di vivere, di vivacità e non è mai ferma. Ho apprezzato tutti e tre i vampiri per le loro diverse qualità; Deva non si può non amare, sia da bambina sia da ragazza qual è alla fine del libro. Sono rimasta veramente stupita da questo romanzo. Ero comunque convinta che mi sarebbe piaciuto (da quando ho letto il libro Papà era un bandito sono convinta che i libri di Nativi Digitali non mi deluderanno e anzi, vi esorto a guardare il loro sito e magari leggere un loro libro) ma mi ha letteralmente lasciata a bocca aperta visto che ero assolutamente convinta che le cose non andassero nel modo in cui sono andate!! Non è stato scontato credetemi! Tra l’altro, conscia della fine ormai prossima del libro, continuavo a tenere sotto controllo il tempo rimanente alla fine, tempo che diminuiva sempre più e continuavo a ripetermi “deve succedere anora questa cosa, e questa cosa, manca poco, come ha fatto l’autrice? che ha fatto? che succede?” e zacchete il libro è finito in tutt’altro modo, e niente ragazzi, io non vedo l’ora di leggere il secondo! (Spero vi siate scordati di quella famosa volta in cui in un qualche articolo ho detto “basta serie per un po’”. Ho tenuto duro un mese. Forse).

Voto copertina: 4 su 5

Voto titolo: 4 su 5

Voto racconto: 4 su 5

Voto finale: 4 su 5

Bene lettori, che dite? Pensate di leggere questa saga? Io vi terrò aggiornati con i prossimi libri ovviamente!

Sono affiliata ad Amazon, se siete interessati al libro potete cliccare qui, mi aiuterete a sostenere il blog, grazie lettori!

A presto Vampiri e Furie

eri gibbi

©

7 Replies to “RECENSIONE: La croce della vita di Valentina Marcone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *