Venuto al mondo – M. Mazzantini

Perché nella vita capita di rinunciare alle persone migliori a favore di altre che non ci interessano, che non c fanno del bene, semplicemente ci capitano tra i passi, ci corrompono con le loro menzogne, ci abituano a diventare conigli?

__ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . 

La vedo come fosse adesso…un volto proletario, sofferto, eppure infinitamente dolce. Una di quelle persone benefiche che incontri per caso e ti viene voglia di abbracciare, perché ti sorridono dal fondo della loro esperienza umana e di colpo ti risarciscono dell’altra metà del mondo, quella accasciante delle persone rinserrate nella loro pozza di buio.

__ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . 

Solleva gli occhi, e capisco che mi odierà. Ci sono delle donne che mi odiano, semplicemente. Ho imparato a riconoscerle al primo battito di ciglia. Ho imparato a difendermi. Cerco di non pensarci, di non lasciarmi influenzare da quella percezione […]

__ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . 

Fatico a misurarmi con ciò che mi sta troppo a cuore. Divento ansiosa, comincio a grattarmi, come se il sangue all’improvviso corresse troppo veloce sotto la pelle e bruciasse. Qualche giorno fa ho ritrovato gli appunti della mia tesi di ricerca. E mi sono sembrati così lontani, quei giorni, quando credevo che avrei continuato a studiare tutta la vita.

__ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . 

Ha ancora la stessa espressione quando le parli, finge di non capire e intanto pensa. Quindi è viva.

__ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . 

Se andassimo via adesso nulla di ciò che verrà sarebbe ma la vita è come l’acqua, scompare, affonda e poi riaffiora dove può, dove deve.

__ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . 

Quanta vita c’è in quella guerra?

Quanta morte c’è in questa pace?

__ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . 

[…] questo non è che un anticipo e noi lo stiamo vedendo.

Un giorno il mondo sarà tutto così, bruciato dentro, ferito a morte. Non resteranno che macerie ferrigne, sfiati gassosi, lingue nere di combustioni sfinite. Adesso la stiamo vedendo, la fine del mondo, quella dei fumetti, dei film ambientati nel futuro più apocalittico e infetto. Sorride. Di notte le speranze se ne vanno.

__ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . 

La schiena è la parte che non puoi vederti, quella che lasci agli altri. Sulla schiena pesano i pensieri, le spalle che hai voltato quando hai deciso di andare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *